Palermo: oggi si decide il futuro, faccia a faccia Ballardini-Zamparini in Friuli. I dettagli

Palermo: oggi si decide il futuro, faccia a faccia Ballardini-Zamparini in Friuli. I dettagli

Il tecnico ravennate intende capire le reali intenzioni del suo datore di lavoro: ha un altro anno di contratto, ma sarebbe pronto a lasciare, qualora non dovesse sposare appieno le idee dell’imprenditore friulano.

1 Commento

Sottovalutare l’importanza del summit di quest’oggi a casa Zamparini tra il patron friulano e Davide Ballardini sarebbe un errore da matita blu.

In giornata il tecnico ravennate raggiungerà in Friuli il suo datore di lavoro per porre le basi in vista della prossima stagione. Non solo. L’allenatore che ha condotto i siciliani a una quasi insperata salvezza vorrà sondare il terreno per togliersi ogni dubbio sin da oggi, venerdì 20 maggio (ad oltre tre mesi dall’inizio del prossimo campionato). Zamparini vuole o non vuole metterlo nelle condizioni migliori di far bene l’anno venturo, nonostante le cessioni illustri? Questa la domanda che si pone Ballardini che non ci sta a dover affrontare un’altra stagione con l’acqua alla gola e con difficoltà immani.

Calciomercato, il dopo-Sorrentino: Zamparini tra i consigli di Curkovic e di Foschi, ecco i tre nomi

Una volta salutati Sorrentino e Vazquez e aver promesso la vendita di altri pezzi pregiati (in chiave mercato), come Lazaar e Robin Quaison, il presidente di Aiello del Friuli dovrà dare forti segnali al mister romagnolo: i feedback di quest’oggi determineranno il prosieguo o l’interruzione dell’esperienza di ‘Balla‘ in rosa. L’allenatore chiede fiducia nel proprio progetto tecnico e garanzie, il presidente rosanero proverà a dargliele, anche se in chiave mercato ribadirà di non potere fare pazzie. Il tecnico classe ’64 – riferisce l’edizione odierna del ‘Giornale di Sicilia‘ – si aspetta qualche regalo per garantirsi una annata senza troppi rischi. Qualche capitale in più dovrebbe essere scommesso su qualche talento straniero, del Sud-America o dell’Europa dell’Est, per il resto bisognerà fare di necessità virtù, puntando a inserimenti mirati, magari anche dalla Serie B.

Mercato: in Messico sicuri, il Palermo ha messo gli occhi su Javier Lopez. I dettagli

Un ruolo di prim’ordine potrebbero svolgerlo i destini di Enzo Maresca e Gianni Di Marzio: il primo, tanto apprezzato dal tecnico di Ravenna, dovrebbe accodarsi a Sorrentino e dire addio ai rosa in scadenza di contratto; il secondo dovrebbe rimanere a fianco di Zamparini. Nessun ruolo all’interno del Palermo, ma presenza di sostanziale importanza per il gruppo di lavoro che si verrà a creare.

Gianni Di Marzio: “Mio compito è finito, ho rischiato reputazione. Sul futuro…”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Louie15 - 10 mesi fa

    Ti rendi conto di quanto siamo finiti in basso quando i “pezzi pregiati” del mercato rispondono al nome di Lazaar (ovvero Melinte 2, solo più scarso) e Quaison… soprattutto quest’ultimo venderlo a chi? a quanto? che senso ha?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy