Palermo-Milan, l’ultima fra Zamparini e Berlusconi… aspettando i cinesi. Gazzetta: “È la fine di un’epoca?”

Palermo-Milan, l’ultima fra Zamparini e Berlusconi… aspettando i cinesi. Gazzetta: “È la fine di un’epoca?”

Berlusconi è in procinto di vendere il Milan ad un fondo cinese: c’è già la data del closing. Zamparini…

8 commenti

Domenica pomeriggio, fra le mura amiche del Renzo Barbera, andrà in scena Palermo-Milan, match valido per la dodicesima giornata di Serie A.

Forse l’ultima partita fra Maurizio Zamparini e Silvio Berlusconi, scrive l’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’. Sì, perché entrambi stanno vendendo ai cinesi. O almeno così pare. Per quanto riguarda il club rossonero, ci sarebbe già la data del closing; una data storica (tra mercoledì 23 novembre e venerdì 25 novembre), che segnerà il passaggio del Milan dalla famiglia Berlusconi ad un fondo cinese costituito da circa cinque grandi investitori.

Discorso a parte, invece, per il futuro della società rosanero. L’ultima volta che Zamparini si è espresso a proposito, aveva rivelato che le trattative viaggiavano in un doppio binario: non una, bensì due le cordate orientali con cui starebbe trattando. E la volontà di raggiungere un accordo definitivo entro il termine dell’anno corrente. Ma ciò, al momento, è tutto da verificare. Una cosa è certa: al contrario di Berlusconi, il patron friulano non sarebbe intenzionato a sparire dai quadri dirigenziali, anzi vorrebbe mantenere una quota di minoranza (circa il 30%).

“Il proprietario con l’elicottero e il proprietario con il pulmino stanno vendendo ai cinesi. Strano. Palermo­-Milan, domenica alle 15, è una macchina del tempo: l’ultima partita tra Berlusconi e Zamparini, forse l’ultima di Berlusconi in assoluto. Più nostalgico di così, solo Nottingham Forest-Pro Vercelli, ammesso che qualcuno la organizzi. Berlusconi atterrò sul Milan con il famoso elicottero e la musica wagneriana, Zamparini entrò in scena al Palermo mandando un pulmino nel ritiro del Venezia, la sua ex squadra: l’idea era spostare un gruppetto di giocatori destinati al rosanero, operazione che in qualche modo riuscì. La differenza tra mezzi di trasporto è scenografica, però rende l’idea: Berlusconi e Zamparini sono due capitani d’impresa, due uomini pazzi per il calcio, in qualche modo due padri-­padroni. Certo, a diverso livello. Uno è stato Presidente del Consiglio, l’altro primo riferimento del pallone nel Regno delle Due Sicilie. Il calcio con loro perde qualcosa. Di sicuro, quella dimensione imprenditoriale all’italiana, da Nord di successo negli anni del boom – scrive la ‘Rosea’ -. Probabilmente, un carisma divisivo. Berlusconi e Zamparini sono carismatici. Berlusconi ha diviso in politica e Zamparini nel calcio: o risulta antipatico – e ci si iscrive al comitato per la tutela degli allenatori – o fa simpatia. Zamparini ha cambiato decine di allenatori in una lista da album di figurine – da Glerean a Ballardini passando per Baldini e Sannino – mentre Berlusconi dall’87 al ‘96 si è limitato a Sacchi e Capello. Eppure la passione è la stessa, la voce forte del padrone anche, la simpatia per allenatori giovani unisce Brocchi e De Zerbi. Le differenze arrivano, si vedono. Calcisticamente Berlusconi ha i suoi dogmi, Zamparini tende a variare. Un giorno, nel 2004, chiese a Guidolin le due punte, ma altre volte ha ragionato di difesa a tre, che per Berlusconi è nell’indice dei libri proibiti. Zamparini è più impulsivo, magari vittima di qualche sua insicurezza, conflittuale anche con i direttori sportivi. Berlusconi no, decide da sempre con Galliani e al massimo cambia qualche allenatore. Entrambi però hanno visto nella Cina un acquirente. Berlusconi ha quasi chiuso, Zamparini ha incontrato i rappresentanti di un fondo – già sentita anche questa – e spera di cedere a fine anno. La stranezza è che questi due uomini, in club appassionati di compravendite e comproprietà, non abbiano quasi mai fatto affari. Solo due, ma significativi. In 14 anni, dal Milan al Palermo solo Darmian, diventato nazionale… al Torino. Dal Palermo al Milan solo Nocerino, preso per 500mila euro e decisivo per lo scudetto di Allegri. Zamparini, sobriamente, tempo dopo parlò di «furto» e, se è per questo, l’ha toccata piano altre volte. Nel 2011 disse che Berlusconi avrebbe dovuto pensare meno alle donne. Nel 2015 precisò che Galliani in Lega faceva solo gli interessi del Milan. Ecco, negli ultimi anni ha proposto al Milan sia Vazquez sia Dybala, ma i pochi affari forse si giustificano anche con la tensione sui diritti tv. Di sicuro, è incredibile che Zamparini abbia ceduto più giocatori al Novara, al Sudtirol, al Wolfsburg, al Monopoli, al Leeds, alla Vibonese, al Cruz Azul, al Concordia Chiajna. Eppure, quando Milan e Palermo presteranno un terzino al Tianjin Teda, un po’ Berlusconi e Zamparini mancheranno a tutti. Con loro si poteva andare ad Arcore o ad Aiello del Friuli e abbozzare una richiesta di spiegazioni. Adesso, chi lo prende un aereo per Changxing?”.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco Bruno - 1 mese fa

    4 a 1 x il milan

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. joerosanero - 1 mese fa

    i cinesi di berlusconi sono personaggi reali quelli di zamparini personaggi di fantasia(non esistono).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario Dragotto - 1 mese fa

    Mistero…..!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ma quale cinesi??? Ma lo volete capire che NON ESISTONO???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo Piraino - 1 mese fa

    Doniamo 2€ per Zamparini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Per noi sarà solo l’ultima in A e poi solo campetti di quarta serie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paolo Effe - 1 mese fa

    Per il Milan è l’ultima con berlusca, non per noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Antonello Provenzano - 1 mese fa

    seeeee…. aspettali ‘sti cinesi… 😛

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy