Palermo: le gambe forti di Gilardino per attraversare l’inferno del Matusa

Palermo: le gambe forti di Gilardino per attraversare l’inferno del Matusa

In una sfida così complicata contano furbizie, mestiere e gestione delle fasi calde. Tutte doti nelle quali il Palermo vince il confronto grazie pure a quei mammasantissima di Sorrentino, Maresca e Gila.

2 commenti

Una vittoria soffertissima, ma pur sempre una vittoria.

GUARDA: FROSINONE-PALERMO 0-2, GLI HIGHLIGHTS DEL MATCH

Da ora in poi, per il Palermo, conterà sempre meno la qualità della prestazione e sempre più il risultato finale. Contro il Frosinone si sono visti più ordine, più grinta, più cuore. E alla fine lo scontro diretto per la salvezza ha sorriso ai rosa che sanno di non aver fatto ancora nulla. Stasera la partita del Carpi (che è a pari punti coi siciliani e avvantaggiato dalla migliore differenza reti), quindi le ultime tre giornate di campionato. Così si può.

SERIE A, LA CLASSIFICA AGGIORNATA

Palermo: attributi, carisma e qualità. Meglio tardi che mai

In fondo solo un campione del mondo poteva riaccendere una squadra sull’orlo del precipizio. Sulle gambe forti di Alberto Gilardino il Palermo attraversa l’inferno del Matusa solo con qualche graffio in volto e soprattutto con due gol in dote, per effetto dei quali i siciliani vincono lo scontro diretto e continuano a sperare nella salvezza – sottolinea l’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport‘ -. Sopraffatto dalla tensione nervosa, il Frosinone si arrende alla distanza alla qualità superiore dei rosanero, presi per mano in campo da Sorrentino, Maresca e dal Gila (106 anni in 3), proprio la ‘vecchia guardia‘ con cui Ballardini era andato in conflitto durante la sua prima parentesi in panchina di questa stagione. Proprio il Frosinone, che nel suo stadio aveva conquistato prima di ieri 22 dei suoi 30 punti, non resiste alla guerra di nervi e cede il passo. In una sfida così complicata contano, e tanto, i dettagli, le furbizie, il mestiere, la precisione nei passaggi, la gestione delle fasi calde. Tutte doti nelle quali il Palermo vince il confronto grazie pure a quei mammasantissima di SorrentinoMaresca, Gonzalez e Gila, sostenuti dalla freschezza di Quaison, Hiljemark e Morganella e dalla disciplina di Rispoli in fascia.

VIDEO, Gilardino senza voce: “Abbiamo dimostrato di avere le palle”

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Adesso bisogna vincere le ultime tre partite impresa non proibitiva ma sempre difficile ma se giocano con la cattiveria giusta ce la possono fare speriamo bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giovanna E Giuseppe - 1 anno fa

    Ma come si fa’ a lasciarlo in panchina!!!! Assurdo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy