Palermo in Serie C, l’avvocato Malagnini: “Io avrei impugnato la delibera della Lega B…”

Palermo in Serie C, l’avvocato Malagnini: “Io avrei impugnato la delibera della Lega B…”

“Il problema dell’improcedibilità è stato superato dal Tribunale, ma per me non era da superare. Non mi permetto di entrare nel merito, però in un processo bisogna prima valutare le eventuali eccezioni”

Parola all’esperto.

E’ arrivato ieri l’ennesimo no per il Palermo. Il Collegio di garanzia del Coni ha infatti rigettato il ricorso del club rosanero che aveva inoltrato la richiesta di sospensiva dei playoff del campionato di Serie B. Nonostante la società di viale del Fante prende atto della decisione e fa sapere che “continuerà tuttavia a rivendicare e difendere i propri diritti in ogni sede, nell’interesse del club e dei suoi valori sportivi, della Città, dei suoi abitanti e di tutti i sostenitori sparsi per il mondo“.

Uno che ha seguito la vicenda da spettatore esterno è l’avvocato Luciano Ruggiero Malagnini, contattato nei giorni scorsi dal dg Lucchesi per valutare un suo possibile ingresso nel pool difensivo del Palermo. Malagnini è stato infatti il legale Paolo Cannavaro, assolto per improcedibilità del deferimento, e del Chievo, che nella scorsa stagione è stato accusato di plusvalenze fittizie. Intervistato da Il Giornale di Sicilia, l’esperto di diritto sportivo ha spiegato: “A mio modesto parere, questo ricorso (si riferisce a quello del Collegio di garanzia del Coni) non poteva sortire alcun effetto. Poi il diritto non è una scienza esatta, ma io avrei impugnato la delibera della Lega B. Quello è l’atto prodromico. Ha fatto bene il Palermo a chiedere la sospensiva alla Corte d’appello, che invece dice delle cose che non stanno né in cielo, né in terra. Praticamente hanno detto che nel caso di restituzione dei punti necessari per rifare i play-off, si annullano le gare già disputate“.

Malagnini ha poi proseguito: “Il Palermo da una parte impugna la sentenza della retrocessione e quella è correttamente impugnata presso la corte d’appello. Io però avrei impugnato anche la delibera della Lega B che ha dato il via libera ai play-off e annullato i play-out. Le Leghe organizzano i campionati, ma la disciplina dei play-off e dei play-out spetta alla Federazione, come da comunicato ufficiale 50 del 2018. Queste sono norme speciali che si sovrappongono a quella ordinaria“.

Infine, l’esperto avvocato ha parlato del fatto che i legali rosanero abbiano contestato l’improcedibilità del deferimento basandosi sul precedente di Paolo Cannavaro e degli altri ex giocatori del Napoli che non vennero squalificati: “Il problema dell’improcedibilità è stato superato dal Tribunale, ma per me non era da superare. Non mi permetto di entrare nel merito, però in un processo bisogna prima valutare le eventuali eccezioni. Questo è un po’ come il processo fatto a Reina e Cannavaro, perché qui c’è un problema legato ai cosiddetti fatti nuovi“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy