Palermo in B, società presenta ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport: ecco le richieste

Palermo in B, società presenta ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport: ecco le richieste

Il ricorso presentato dal Palermo al Collegio di Garanzia dello Sport.

1 Commento

Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) ha diramato un comunicato attraverso cui dà notizia di un ricorso presentato alcuni giorni fa dal Palermo Calcio. Ecco la nota.

“Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso presentato dalla società U.S. Città di Palermo S.p.A. per la declaratoria di illegittimità della pretesa della Lega Nazionale Professionisti di Serie B (L.N.P.B.) di far gravare sulla ricorrente un prelievo sulle risorse ad essa spettanti, come da nota prot. n. 614 del 6 aprile 2017 con cui la predetta Lega ha disposto, a carico del Palermo, l’addebito della somma di € 2.000.000,00 da valere a decurtazione delle somme che la Lega Nazionale Professionisti di Serie A (L.N.P.A.) distribuisce tra le squadre militanti nel massimo campionato e rinvenienti dalla commercializzazione dei diritti televisivi, invitando la stessa ricorrente ad effettuare il bonifico della somma in questione entro cinque giorni dal ricevimento della nota suddetta; nonché per la nullità/annullamento, oltre che della suddetta nota, delle presupposte:

– note prot. n. 385 del 28 dicembre 2016 e prot. n. 511 del 2 marzo 2017, con cui la LNPB ha chiesto il pagamento della prima rata 30.9.2016, della seconda rata 30.11.2016 e della terza 31.3.2017 relative alla terza annualità del Contributo Promozione;

– dell’atto di cessione del credito futuro 28.6.13 con cui l’U.S. Palermo ha ceduto alla LNPB, a titolo di garanzia, tutti i crediti futuri che la ricorrente maturerà nel corso della stagione sportiva 2016/2017 nei confronti della LNPA sino alla concorrenza dell’importo complessivo di € 2.000.000,00.;

– della delibera del 29.11.2012 della Assemblea della LNPB di approvazione della norma, ora trasfusa nel Codice di Autoregolamentazione all’art. 1, punto 1.1, Capo I, posta a base del richiamato addebito;

– dell’omessa opposizione della LNPA al forzato addebito in danno della ricorrente;

– di ogni altro atto connesso, presupposto, collegato e/o consequenziale.

Il Palermo chiede al Collegio di Garanzia l’accoglimento del presente ricorso, con declaratoria dell’illegittimità della pretesa della LNPB, con l’acquiescenza della LNPA, di far gravare sulla stessa società ricorrente un prelievo sulle risorse ad essa spettanti e in favore della complessiva LNPB; chiede, inoltre, di dichiarare nulli e/o di annullare tutti gli atti indicati in precedenza“.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonello Provenzano - 3 mesi fa

    da quel che mi è dato capire, leggendo tra le righe del documento, la Lega di Serie A dovrebbe bonificare il paracadute al Palermo, la Lega di Serie B vuole pagati i diritti di iscrizione al campionato, prelevando la somma dal versamento del paracadute (a quanto pare, il Palermo non dispone di altre risorse economiche) e il Palermo si oppone al prelievo, come se non volesse iscriversi al campionato, oppure aspettasse di ricevere i fondi liquidi del paracadute…
    insomma, una bella situazione, se quel che ho capito è l’interpretazione autentica dei fatti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy