Palermo: i tre dubbi di Bosi in vista del Torino, ecco chi vincerà i ballottaggi. In attacco tridente anomalo

Palermo: i tre dubbi di Bosi in vista del Torino, ecco chi vincerà i ballottaggi. In attacco tridente anomalo

Tra poche ore il match del Barbera.

Commenta per primo!

Non vuole puntati i riflettori addosso, Giovanni Bosi. Il nuovo tecnico del Palermo intende mantenere un ambiente tranquillo e sereno, nonostante la burrasca venutasi a creare nelle ultime settimane. I rosa ci sono e hanno già oggi la possibilità di ipotecare il discorso salvezza: vincere contro il Torino vorrebbe dire andare a quota 29 punti a tredici giornate dalla conclusione della stagione.

Leggi anche: Sorrentino-Pistocchi lite sul web: “A Capodanno con te nessun rosanero”. Le risposte del capitano del Palermo con foto e video

Nella settimana più travagliata della stagione rosanero, il Palermo ha la possibilità di dare un colpo d’ala alla corsa per non retrocedere. I risultati delle dirette concorrenti che hanno giocato tra giovedì, venerdì e sabato, fanno della sfida ai granata un match ball da non sprecare. Delle ultime tre della classifica che hanno giocato in anticipo, solo il Frosinone ha vinto centrando il colpaccio a Empoli. Carpi e Verona hanno invece perso. Centrare oggi la vittoria consentirebbe al Palermo di tenere i ciociari a sette punti, le altre due a dieci e tenere ben cinque squadre sotto. Conti, supposizioni e speranze che però passano tutte dall’imbuto nel quale convergono tutte le aspettative della vigilia.

Approfondisci: VIDEO, Schelotto torna in Argentina: “Zamparini mi cita per danni? Ehm… no”

La sfida a distanza tra Belotti e Gilardino e, in seconda battuta, Djurdjevic rappresenta uno dei tanti temi della partita. Il tema fondamentale però è legato ai punti in palio. Tre punti pesanti e importanti sia per i rosanero sia per i granata che, in caso di un ennesimo passo falso, potrebbero essere risucchiati in classifica proprio a beneficio di squadre come il Palermo.

GUARDA: VIDEO, Juventus-Napoli 1-0: gli highlights del match

Bosi non farà stravolgimenti. Rispetto alla gara con il Sassuolo c’è un solo cambio obbligato. Lazaar è squalificato (qui il messaggio del marocchino) e Pezzella e Rispoli si giocano una maglia. Il primo, proveniente proprio dalla Primavera di Bosi, è in vantaggio. Per il resto, Struna non è stato convocato per infortunio e al suo posto viene confermato Morganella. Goldaniga è a rischio, ma dovrebbe conservare il posto a scapito di Andelkovic. A centrocampo ci saranno Hiljemark e Chochev con Brugman, Jajalo e Maresca che si giocano il ruolo di regista. Il primo è favorito dopo aver giocato nello stesso ruolo a Reggio Emilia. In avanti – sottolinea ‘La Repubblica’ – il tridente anomalo con Vazquez, Gilardino e Quaison. Anomalo perché Vazquez partirà a destra ma poi giocherà molto sulla trequarti alle spalle dei due attaccanti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy