Palermo: Gilardino a caccia di una notte di gloria, doppio obiettivo per il ‘violinista’

Palermo: Gilardino a caccia di una notte di gloria, doppio obiettivo per il ‘violinista’

I rosa si affidano alla concretezza del suo bomber.

1 Commento

Novanta minuti d’esame. All’Olimpico contro la Roma di Spalletti, il Palermo è chiamato a dare forti segnali di ripresa. Fare risultato sarà un’impresa, ma a Beppe Iachini importa per il momento ricevere rassicuranti responsi relativi alla crescita mentale: il ko della Sampdoria, che dunque rimane dietro al sodalizio siciliano (qui la classifica aggiornata), ha iniettato un po’ di fiducia nell’animo dei rosanero, consapevoli di essere artefici del proprio destino. Un destino che passa – anche – dai gol di Alberto Gilardino.

“Il primo dei suoi sette gol in campionato con la maglia del Palermo, Alberto Gilardino lo ha segnato alla Roma nell’ottobre scorso – scrive l’edizione odierna de ‘La Repubblica’ -. Un girone dopo, questa sera, la sfida si ripete all’Olimpico con Gila a caccia di un’altra notte di gloria che avvicini il Palermo alla zona tranquilla della classifica e avvicini lui alla quota dei duecento gol in serie A. Con quello messo a segno contro il Torino l’attaccante del Palermo, ha toccato quota centottantacinque. Iachini, non ne ha fatto mistero nella conferenza stampa prima di raggiungere Roma, ha chiaramente fatto capire di avere ricominciato a lavorare praticamente da zero sulle macerie di quello che ha trovato tre mesi dopo il suo esonero. Una prima partita del secondo atto di Iachini sulla panchina rosa che rappresenta un difficilissimo banco di prova, non solo per la bravura dell’avversario, ma soprattutto per le condizioni nelle quali la squadra arriva a questo appuntamento – si legge sul quotidiano generalista -. Non ci saranno Sorrentino, Goldaniga e Lazaar infortunati. Al loro posto giocheranno Alastra, Andelkovic e Rispoli. Il terzo posto di centrale di difesa, fatto salvo quello di Gonzalez, è un discorso a due tra Vitiello e Struna. Il primo ha dato grande affidabilità nel corso di tutta la gestione Iachini, ma è reduce da un infortunio. Il secondo era partito benino in questa stagione, ma viene anche lui da un problema fisico e da un netto calo di condizione. Nel 3-5-2 gli esterni saranno Morganella e, appunto, Rispoli in vantaggio su Pezzella. A centrocampo ci sarà Maresca in cabina di regia, in ballottaggio con Brugman per una maglia da titolare, con Hiljemark alla sua destra e uno tra Jajalo e Chochev alla sua sinistra. In avanti le uniche certezze costituite dalla presenza di Vazquez e Gilardino con il tridente adottato da Schelotto e anche nella gara di domenica scorsa contro il Torino che va definitivamente in soffitta”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. george - 1 anno fa

    Che tristezza! Squadra allo stando. Il reparto difensivo,escludendo Sorrentino, era debole prima, figuriamoci oggi senza rimpiazzi. Le altre squadre prima di vendere si assicurano i sostituti. Zamparini vende e poi quel che accade accade. Ed abbiamo visto cosa sta accadendo. Quello che mi sfugge è perché il presidente voglia mandarci in B a tutti i costi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy