Palermo: futuro Iachini, tra ‘balle’ e verità. Zamparini aspetta la prossima sosta (novembre) per una decisione definitiva

Palermo: futuro Iachini, tra ‘balle’ e verità. Zamparini aspetta la prossima sosta (novembre) per una decisione definitiva

Zamparini ha piena fiducia nel tecnico, ma l’ultimatum potrebbe arrivare presto

Commenta per primo!

MZ: “Iachini resta anche se il Palermo perde a Bologna”.
CB: “Da quando anche lei ha cominciato a dire le balle?”
MZ: “Non è una balla. È vero che prendiamo sempre gol e abbiamo una difesa ridicola, ma Iachini è un buon allenatore. E poi non ci sono disponibili in giro grandi allenatori”.

Quello appena riportato è un breve passo dell’intervista rilasciata da Maurizio Zamparini (MZ) a Claudio Beneforti (CB), giornalista del ‘Corriere di Bologna‘. Non è una “balla” che Iachini rimarrà sulla panchina del Palermo anche se tra otto giorni dovesse perdere al Dall’Ara di Bologna contro gli ultimi in classifica. Il messaggio che il patron friulano vuole far recepire all’ambiente rosanero non ha bisogno di spiegazioni: la squadra capitata da Sorrentino non deve sentire la pressione addosso di dover vincere a ogni costo per salvare il proprio allenatore. A Bologna si può anche fallire, la situazione rimarrebbe intatta: si deduce dalle frasi del presidente. Un cambio di rotta è comunque necessario. Quello che Zampa vuole osservare nel lunch-match dell’ottava giornata di Serie A dovrà essere un gruppo solido, ordinato tatticamente e che non subisca reti con troppa facilità. Un Palermo nuovo, a cui è concesso l’errore.

Per RaiSport, tuttavia, le cose sarebbero diverse in casa rosanero. Dietro alla singolare serenità di Zamparini, giacerebbe un ragionamento abbastanza chiaro. Aspettare la prossima sosta di campionato per poter rimettere in discussione il tecnico marchigiano. Fiducia a tempo. Superata la trasferta emiliana (in cui la sconfitta è contemplata), i siciliani affronteranno – nel giro di quindici giorni – l’Inter in casa (24 ottobre), il Napoli al San Paolo (28 ottobre), l’Empoli al Barbera (2 novembre, nei 115 anni di storia del club) e il Chievo ancora davanti ai propri tifosi (8 novembre). Quindi, ci si fermerà nuovamente per la sosta per gli impegni delle Nazionali. Sarà allora che Zamparini e la dirigenza di viale del Fante proveranno a tracciare un definitivo bilancio sull’operato in questo campionato di Iachini e il suo staff. Beppe – parafrasando le dichiarazioni del patron – è un grande allenatore, ma la sua squadra è alla ricerca della cura per venirne a capo. Questa non è una “balla“. Potrebbe esserlo, invece, pensare che in giro non ci siano validi tecnici. Zamparini lo sa e, se il trend continuerà a essere negativo, potrebbe essere costretto ad attingere dal mercato degli allenatori attualmente a spasso.

Palermo: perché Iachini non deve essere esonerato da Zamparini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy