Palermo: finisce l’avventura di Faggiano, Zamparini “promuove” di nuovo Baccin?

Palermo: finisce l’avventura di Faggiano, Zamparini “promuove” di nuovo Baccin?

Il dirigente ex Trapani oggi si è dimesso. Spunta l’ipotesi interna già praticata in passato: la “promozione” di Baccin da responsabile del settore giovanile a direttore sportivo.

5 commenti

E’ stata la giornata dell’addio di Daniele Faggiano. Il dirigente salentino ha rassegnato le sue dimissioni e non occuperà più la carica di direttore sportivo del Palermo.

In casa rosa, dunque, dopo il cambio in panchina, non si arrestano i ribaltoni. Quello di Faggiano è dovuto in particolar modo a forti divergenze di vedute con il presidente Maurizio Zamparini in merito al mercato di gennaio. Gli incarichi che avrebbe dovuto svolgere Faggiano sarebbero stati ritenuti dallo stesso troppo marginali per trattarsi del ds del club.

L’ex Trapani (che nell’intervista, che vi proponiamo in alto e che risale a un paio di settimane fa, ribadiva la sua carica in vista della sessione invernale di trattative) oggi ha rassegnato le dimissioni, ponendo fine di fatto alla sua “era” durata quattro mesi. Si era insediato il 23 luglio scorso, subentrando a Rino Foschi, e adesso la carica di direttore sportivo in seno al club di viale del Fante è rimasta vacante.

Nomi veri e propri per assurgere a tale ruolo non sono stati ancora diffusi. Il profilo che Zamparini ha in mente è abbastanza chiaro e deve incontrare le sue volontà. Nonostante le smentite di rito, intanto, si fa spazio l’idea Dario Baccin che sarebbe promosso da responsabile  direttore sportivo della prima squadra come fatto nell’ottobre del 2014, quando venne allontanato Franco Ceravolo. Baccin costituirebbe una soluzione ideale in virtù della competenza e professionalità ampiamente dimostrate alla guida del settore giovanile con cui ha ottenuto brillanti risultati. La sensazione, tuttavia, è che il giovane dirigente rosanero, il cui profilo fa gola a club importanti nel panorama calcistico italiano , accetterebbe l’incarico solo nel caso in cui potesse imprimere la propria impronta in ragionevole autonomia e piena legittimità del ruolo. In quest’ottica l’ex Ds rosa fece a suo tempo coerentemente un passo indietro in occasione dell’avvento di Manuel Gerolin, preferendo tornare alla carica originaria.

Calciomercato Palermo: rosa su El Karti, riparte il pressing. Gianni Di Marzio…

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. beppe0000 - 6 mesi fa

    Premesso che il faggiano non mi è mai piaciuto, qui il problema non sono i direttori sportivi perché tanto contano quanto il due di briscola a scopa…..lui l’assoluto zamparini è il solo che ha poteri di fare e disfare!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. spargi49 - 6 mesi fa

    senza rinari u parrinu un mi canta missa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Umberto Barrali - 6 mesi fa

    Si è l’ acquisti chi li fa Babbo Natale? E vero che Faggiano c’era o un c’era era la stessa cosa..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. astrea - 6 mesi fa

    Non posso fare a meno di criticare l’atteggiamento una parte del tifo che, prima diserta lo stadio lasciando la squadra al suo destino e poi si lamenta per gli scarsi risultati. Come se non fosse vero che il calore del tifo è determinante per tutte le squadre di ogni parte del mondo. Sono gli tessi che quando è arrivato Nestorovski lo hanno apostrofato con il nomignolo di “Nestocoso”, “Nestochì? ” e “Nestoresca”. Salvo che ora temono che lo stessi venga messo nel mercato. De Zerbi venne apostrofato con il nomignolo “Zerbino” e Faggiano con il nomignolo “pennuto”. Vedremo con Corini. L’impresa di salvare il Palermo non è facile ma se si comincia con l’andare in 20.000 allo stadio ad esporre un maxi striscione con la scritta: “FORZA EUGENIO. SIAMO TUTTI CON TE”. Avrebbe valore o no ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giuseppe D'agostino - 6 mesi fa

    Sante parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy