Palermo: ecco chi è Fabio Viviani. Il profilo del nuovo allenatore rosanero, allievo di Guidolin e Reja

Palermo: ecco chi è Fabio Viviani. Il profilo del nuovo allenatore rosanero, allievo di Guidolin e Reja

L’approfondimento della redazione di Mediagol.it.

9 commenti

Maurizio Zamparini ha deciso. Fabio Viviani è il nuovo allenatore del Palermo: il mister toscano subentra a Davide Ballardini, scaricato dalla squadra in toto (anche se vi sono le eccezioni), dopo un diverbio acceso con Stefano Sorrentino, capitano che di fatto ha esonerato in diretta tv il tecnico di Ravenna.

Non si apre un vero e proprio ciclo in seno al club di viale del Fante perché di fatto Viviani costituisce una soluzione interna per la società rosanero. Una figura che conosce e respira l’ambiente palermitano da un anno e tre mesi, cioè da quando Francesco Guidolin – che aveva declinato l’invito a sedere sulla panchina rosanero – aveva consigliato a Zamparini il suo profilo, per coadiuvare Iachini in sede di lavoro tattico. Da allora Viviani prepara, discute ed esamina le strategie tattiche con l’allenatore di turno. Sa come agire, è pronto ad afferrare il timone della barca rosanero. Rappresenta in un certo qual modo, la nuova scommessa, l’ultima in ordine di tempo, del presidente Zamparini che ha rotto gli indugi e ha deciso di puntare sull’esperienza del collaboratore tattico di Iachini. La decisione maturata in queste ore è servita soprattutto al Presidente per proseguire la stagione senza ulteriori scossoni. Una decisione interna per cercare di dare serenità ad un ambiente che di fatto ha esonerato Ballardini dopo le tensioni con Sorrentino.

Viviani, 40 anni, nato a Lucca. Dopo una carriera da centrocampista in cui ha vestito le maglie di Milan, Monza (nelle stagioni in cui un grave infortunio lo indusse quasi ad appendere gli scarpini al chiodo da 23enne), Como, Treviso e Vicenza, ha deciso di intraprendere la carriera di allenatore partendo proprio da Vicenza. Prima una brevissima esperienza nella stagione 2001-2002 in coppia con Moro, come traghettatore di Fascetti, e successivamente, alla guida per tre stagioni tra il 2002 e il 2005 della Primavera. Da Vicenza a Napoli, un viaggio da Nord al Centro-Sud, per seguire le orme di Edy Reja, ai tempi tecnico del Napoli, di cui sarà per quattro stagioni allenatore in seconda e artefice della cavalcata dei partenopei dalla C alla A. Nel 2009, per Viviani arriva il primo incarico da allenatore alla Sambonifacese, un anno dopo è chiamato dal Portogruaro in Serie B per sostituire il dimissionario Corini. Con la squadra ultima in classifica, a novembre Viviani viene esonerato non senza polemiche. Alla fine del 2011, dopo le dimissioni di Giannini, prende l’incarico alla guida del Grosseto. Appena due mesi di lavoro e arriva un altro esonero (7 punti in 7 partite, con una vittoria, quattro pareggi e due sconfitte). Nel 2012 entra a far parte dello staff tecnico dell’Udinese, chiamato da un altro ex rosa: Francesco Guidolin. A Udine, Viviani resterà due anni, due stagioni ad alto livello che lo faranno maturare dal punto di vista professionale e tecnico, tanto che lo stesso Guidolin ne sponsorizza a Zamparini il passaggio al Palermo, in qualità di collaboratore tattico di Iachini a partire dall’ottobre 2014. Detto-fatto, Viviani entra a far parte della famiglia rosanero. Il 10 novembre 2015, a seguito dell’esonero di Iachini, si presume possa saltare anche il suo ruolo all’interno dello staff tecnico. Su volontà della società e del direttore sportivo Gerolin, tuttavia, Viviani rimane in rosanero, svolgendo mansioni di match-analyst. Fino ai giorni nostri, con il ribaltone dell’ultima settimana e la promozione dell’allenatore toscano alla guida della prima squadra.

LEGGI ANCHE: FOTO, bombe sexy e calciatori. Le donne più belle della Serie A

Collage wags 2

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. rosaenero - 2 anni fa

    Che squallore!! Abbiamo toccato il fondo. Mi sono convertito pure io che ero un sostenitore accanito di zampa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mar - 2 anni fa

    visto il risultato di ieri va bene anche lui!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Johnny69 - 2 anni fa

    CONTINUANO ANCORA A SBAGIARE CI VUOLE UN BUON ALLENATORE QUESTO DURERA’ AL MASSIMO UN MESE CHE SCHIFO E’ VERAMENTE VERGOGNOSO ZAMPARINI HA GETTATO LA SPUGNA E’ PALESE CHE NON CACCIA PIU’ SOLDI,,,,,,,,VERGOGNA VERGOGNA VERGONA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ronemax - 2 anni fa

    Scusate, Redazione di Mediagol…. una informazione Ve la posso chiedere ???
    Voi che siete sicuramente più informati, sapete se il Signor Fabio Viviani è ancora l’allenatore del Palermo ?
    siccome sono passati 20 minuti dalla pubblicazione del presente articolo non vorrei che magari…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mediagol - 2 anni fa

      Al momento è ancora un collaboratore tecnico del Palermo. Dopo l’ufficialità diventerà l’allenatore della prima squadra e soltanto dopo Zamparini potrà esonerarlo :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ermanno - 2 anni fa

        Grande Mediagol.. 😀

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ronemax - 2 anni fa

        ore 18:16. Schelotto nuovo allenatore del Palermo.
        Io ovviamente scherzavo e Mediagol ha retto simpaticamente il gioco, ma dico…
        questo cambia idea ogni 2 ore… santa pazienza.

        Io scherzavo, dico… ma sotto sotto….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Cataldo - 2 anni fa

    I nuovi investitori non vogliono iachini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sergio Buccellato - 2 anni fa

    Semplice traghettatore, non era questa la figura che ci voleva in questo momento. Non posso credere che Iachini abbia deciso di non tornare, ben sapendo che squadra e tifosi lo aspettavano a braccia aperte, di contro non mi pare abbia rifiutato visto che resta nel libro paga della società. Situazione poco chiara, anzi per nulla chiara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy