Palermo e l’ombra di Ballardini. Il primo esonero di Baccaglini-Zamparini è vicino

Palermo e l’ombra di Ballardini. Il primo esonero di Baccaglini-Zamparini è vicino

Diego Lopez è stato individuato come il colpevole della crisi e la dirigenza rosanero starebbe valutando di esonerarlo. Ballardini è il nome in pole position per subentrare.

Commenta per primo!

L’ennesima umiliazione della stagione. Prima il vantaggio, poi il tracollo. A Udine contro l’Udinese il Palermo di Diego Lopez ha mostrato tutti i propri limiti tecnici: una squadra mal costruita e non all’altezza del campionato di Serie A.

A nove giornate dalla fine dei giochi e con 27 punti in palio, sembrerebbe non esserci più spazio per le speranze di salvezza dei rosanero che stagnano a 15 punti, a -7 dall’Empoli di Giovanni Martusciello che continua a perdere da settimane e settimane, ma che ha visto dietro a sé immobilismo totale da parte delle inseguitrici.

Tutto cambia affinché nulla cambi. Non è solo riferito ai risultati che continuano ad essere negativi, ma all’atteggiamento della società rosanero, sempre pronta a scaricare le colpe sull’allenatore rispetto alle proprie chiare responsabilità. Così dopo la scoppola di Udine, a Palermo c’è di nuovo aria di esonero. Sarebbe il primo di Paul Baccaglini, che appare così chiaramente influenzato da Maurizio Zamparini, tuttora proprietario del club di viale del Fante.

Secondo indiscrezioni raccolte da Mediagol.it, il Palermo starebbe pensando a Davide Ballardini per la panchina rosanero. Attualmente l’allenatore ravennate detiene il record come “media punti partita” rispetto agli altri che si sono succeduti in questa stagione.

2016-2017

1)Davide Ballardini (1a-2a) 1,33 (media punti partita di 1,67 se si considera da aprile, dopo il suo richiamo nel 2016)

2)Diego López (22a-29a) 0,63

3)Eugenio Corini (15a-21a) 0,57

4)Roberto De Zerbi (3a-14a) 0,38

UDINESE-PALERMO 4-1, LE PAGELLE DI MEDIAGOL. Se le partite durassero 15 minuti, i rosa sarebbero in Europa #facemustasquadra

L’ondata di entusiasmo portata da Paul Baccaglini, nuovo presidente ma non ancora proprietario del Palermo Calcio, si è placata quasi immediatamente tra i tifosi, tuttora piuttosto scettici in merito al futuro prospettato dall’ex Iena oggi rappresentante del fondo d’investimento Integritas Capital. E mentre lo sconforto della piazza raggiunge il picco stagionale, arriva la notizia dell’ennesimo scollamento tra presidenza e allenatore. Diego Lopez va verso l’esonero: ore di riflessione per Baccaglini e Zamparini che pensano a Ballardini.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10.00 DEL 20 MARZO 2017 BACCAGLINI: “IL PRESIDENTE SONO IO, LOPEZ NON SI TOCCA”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy