Palermo: De Zerbi riflette, Alino dal 1′ o dalla panchina? VOTA Come gestiresti Diamanti?

Palermo: De Zerbi riflette, Alino dal 1′ o dalla panchina? VOTA Come gestiresti Diamanti?

Il trequartista del Palermo parso fin qui in difficoltà quando ha giocato dal 1′, mentre se subentra dalla panchina sembra poter incidere di più. E voi, che ne pensate?

5 commenti

Diamanti

Era mercoledì 26 ottobre e Maurizio Zamparini si esprimeva così su Alessandro Diamanti.

Mi è sempre piaciuto, ha una certa età, va centellinato, stesso discorso di Gilardino: un… diamante da mostrare al momento opportuno, non da sfiancare.

Si stava vivendo la vigilia del match tra Palermo e Udinese: nello stesso giorno, Roberto De Zerbi si presentò in conferenza stampa (come di consueto) e assicurò ai giornalisti presenti: “Il presidente vuole che Diamanti vada centellinato? Domani (si sarebbe giocato giovedì sera, ndr) Alino scenderà in campo dal primo minuto”.

E così fu. Il trequartista classe ’83 figurò tra i titolari, giocò per sessanta minuti, rimediò un’ammonizione e fu sostituito dopo un’ora per far spazio a Roland Sallai (che poi si fece espellere al 75′). I rosanero – che avevano aperto le marcature con Nestorovski – poi persero per 3-1, sotto i colpi di Fofana e Thereau. Diamanti non brillò, non riuscì ad incidere e si beccò un 5,5 da ‘La Gazzetta dello Sport’ dell’indomani.

DIAMANTI 5,5: non s’accende, soltanto qualche invenzione. Troppo poco.

Per esprimere un giudizio completo sul contributo offerto da Alino in questa stagione, bisognerà – ovviamente – attendere ancora qualche giornata. Sia perché siamo solamente al dodicesimo turno di campionato, sia perché (particolare di non secondaria importanza) l’ex Guangzhou non ha svolto la preparazione atletica estiva assieme ai compagni. Si è sì allenato a Prato in estate per tenersi in forma, ma nulla di paragonabile a un lavoro costante fatto insieme al gruppo rosanero a Bad Kleinkirchheim.

E’ al termine di quella partita che in De Zerbi, probabilmente, sarà scattato qualcosa. Contemporaneamente, stava recuperando la condizione fisica Robin Quaison – su cui il tecnico bresciano nutre importante stima – e quattro giorni dopo, a Cagliari, arrivò la prima panchina per Diamanti da quando veste la maglia del Palermo.

Al Sant’Elia, Alino subentrò solamente al 63′ (in luogo di Embalo) e non fece in tempo a prendere le misure che il Cagliari, già in vantaggio, raddoppiò con Dessena (al 64′). L’ingresso del classe ’83, tuttavia, cambiò qualcosa: perché il Palermo poté sfruttare la qualità dell’ex Guangzhou e Fiorentina per provare a riaprire la partita. Il Cagliari dell’80’ (quando Nestorovski siglò il 2-1) non era più la squadra dell’inizio del secondo tempo: fisiologicamente i ritmi erano calati e le energie diminuite. Con più ordine, siamo sicuri che il Palermo avrebbe anche potuto provare a confezionare un’azione da gol per pareggiare l’incontro. Un po’ lo stesso canovaccio si è ripetuto domenica scorsa, col Milan: il Palermo subisce il gol del vantaggio avversario, Diamanti entra al 57′ (al posto di Sallai) e al 71′ fornisce l’assist per Nestorovski che pareggia – solo momentaneamente – la partita. Un Diamanti, quello osservato recentemente, capace di far la differenza in particolari momenti della gara. Non gli si può chiedere di giocare tutti i match dal 1′ al 90′, anzi la sensazione è che sappia rendersi protagonista quando entra a gara in corso.

VOTA – CLICCA QUI PER IL SONDAGGIO SU DIAMANTI

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ciccio - 4 settimane fa

    Lo deve fare giocare più avanti non a rincorrere in difesa già in attacco già siamo poveri l’unico che può fare la differenza non può tornare sempre nei nostri 30 metri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Leto - 4 settimane fa

    4-4-2 e diamanti seconda punta vicino a nestorowsky!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Guglielmo Rubino - 4 settimane fa

    Non è questo il problema ce ne sono di altri e parecchi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mi Chele - 4 settimane fa

    il problema del palermo sono i vari esperimenti che non ti portano a migliorare la squadra settimana dopo settimana, in alcuni reparti c’è affollamento, in alcuni reparti c’è carenza, quest’allenatore dopo 2 mesi e mezzo di campionato non ha trovato ne l’equilibrio giusto, ne ha capito chi deve realmente scendere in campo!! cmq sia la squadra necessità di almeno 3 pedine fondamentali, portiere, centrocampista ed attaccante!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Agostino Patti - 4 settimane fa

    Alino è l’unico che cia il tocco di palla confronto alcuni scarponi e deve essere messo in campo e inutile che de Zerbi faccia esperimenti questi sono i giocatori che ha messo Zamparini fallito

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy