Palermo, Alessandro Gazzi: “Restare in B? Valuto a giugno. Baccaglini ha entusiasmo, Zamparini-Cairo…”

Palermo, Alessandro Gazzi: “Restare in B? Valuto a giugno. Baccaglini ha entusiasmo, Zamparini-Cairo…”

Tutte le dichiarazioni rilasciate dal centrocampista del Palermo, Alessandro Gazzi: “Restare in rosa anche in B? Valuterò a giugno. Baccaglini ha entusiasmo, Zamparini-Cairo…”.

Commenta per primo!

Gazzi

Vietato procrastinare. Al Palermo di Diego Lopez, la vittoria serve adesso, già da questo week-end, che vedrà i rosanero affrontare il Cagliari di Massimo Rastelli tra le mura dello stadio Renzo Barbera.

Il club ha provato a chiamare a raccolta i tifosi abbassando i prezzi dei biglietti, ma non è scontata una ricca affluenza di pubblico domenica pomeriggio, specialmente perché in città in pochi sono coloro che continuano a dare chance salvezza alla squadra. “Che periodo sta vivendo il Palermo? Io personalmente rimango concentrato su quello che c’è da migliorare in campo dal punto di vista tecnico, in questo momento dobbiamo fare punti e tutti quegli argomenti che vanno al di fuori del campi di gioco io li lascio alle spalle”, avvisa Alessandro Gazzi che dunque non si fa “distrarre” da ciò che sta accadendo al di fuori del terreno di gioco, come ad esempio l’operazione simpatia condotta dal nuovo presidente Paul Baccaglini. “Cerco di lavorare al meglio e tutto il resto lascio che avvengano le cose che devono avvenire. L’umore dello spogliatoio? Non è facile capire l’umore perché abbiamo avuto tanti ragazzi che sono stati impegnati con le rispettive nazionali e ci siamo trovati in pochi la scorsa settimana. Al di là della partita di Udine, dobbiamo cercare di lavorare bene e a testa bassa e concentrarci sull’obiettivo che vogliamo raggiungere”, ha aggiunto l’ex Torino.

Serie A: paracadute finanziario, suddivisione milioni per chi retrocede in Serie B

“Con il Cagliari sarà ultima spiaggia? Ultima spiaggia o no, il nostro obiettivo è lavorare bene giorno per giorno da oggi fino a domenica – risponde il classe ’83 -. Per quanto riguarda l’Empoli, non ci interessa il suo calendario e non dobbiamo fossilizzarci su toscani, dobbiamo concentrarci sulle partite che restano. Dando tutto e restando concentrati, solo così possiamo renderci conto di quello che possiamo fare ogni domenica per mettere in difficoltà i nostri avversari. Conosciamo le qualità individuali dei sardi in fase offensiva, dobbiamo sfruttare al meglio le loro piccole debolezze difensive per cercare di fare punti, vogliamo far bene. Un situazione del genere non mi era mai capitata, ma quest’anno la serie A vede una classifica diversa rispetto agli altri anni anche tra le prime posizioni. Quindi la situazione in confronto alle altre annate che ho vissuto è molto difficile, ma ribadisco che sono situazioni particolari”, ha proseguito Gazzi che poi si è espresso in merito al presidente Baccaglini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy