Palermo: adesso è davvero la squadra dei polacchi. Chi c’è dietro questi trasferimenti?

Palermo: adesso è davvero la squadra dei polacchi. Chi c’è dietro questi trasferimenti?

Murawski, Szyminski e Dawidowicz hanno raggiunto Cionek al Palermo, portando a quattro il numero dei polacchi in forza al club. Chi è la mente di questi trasferimenti?

15 commenti

Dopo che Murawski, Szyminski e Dawidowicz hanno raggiunto Cionek in rosanero non si può evitare di parlare di Palermo dei polacchi.

Thiago Cionek era arrivato in Sicilia a gennaio del 2016 dopo una lunga militanza tra Frosinone, Padova e Modena. E’ costantemente nel giro della nazionale maggiore, ma è nato in Brasile, dove è cresciuto anche calcisticamente. I suoi nuovi compagni, invece, sono veri e propri prodotti del campionato polacco e arrivano in Serie B italiana dopo l’esperienza agli Europei Under 21 di questa estate.

Ma chi c’è dietro questa nuova via del mercato inaugurata dal club di Zamparini questa estate? In tanti hanno già immaginato la longa manus di Davor Curkovic, già mente degli acquisti di ungheresi, croati e macedoni arrivati in rosanero negli ultimi anni. Secondo l’edizione palermitana de La Repubblica, invece, sarebbero tutta farina del sacco di Fabio Lupo, direttore sportivo del club che col suo team ha visionato i giocatori a lungo, fino alla rassegna continentale di questa estate. Zamparini, comunque, sembra abbia chiesto un parere al fido Curkovic, esperto anche lui del calcio dell’est. Zamparini, secondo il quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, continuerebbe a mantenere la sua rete di consiglieri con Curkovic per l’Est Europa e Di Marzio per il Sud America.

Murawski fa parte della BMG-Sport di Bolek e Golos (stessa scuderia di Zielinksi e Skorupski), Szyminski è assistito dalla F-Mg di Pantak (procuratore di Milik), infine Dawidowicz è seguito dalla Innfootball di Michalak e Weber. Tre agenzie diverse e diversi procuratori, può non voler dire molto, ma potrebbe essere la dimostrazione che dietro questi acquisti ci sia soltanto l’intuizione tecnica del direttore sportivo Lupo e non i soliti consigli di agenti e consulenti.

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. enzoenzo - 4 mesi fa

    Dawidowicz Murawski Szyminski sono nazionali,qualcosa vorra’ dire,mai contenti vero?e basta lamintarivi,fatila vuatri a squadra e a prisintati a Tedino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giano - 4 mesi fa

    A parte la nazionalità dei nuovi arrivati, mi sto convincendo che Fabio Lupo è un direttore sportivo veramente preparato. Secondo me, spendendo nulla, sta allestendo una squadra competitiva (se restano tutti i giocatori oggi in organico).
    Leggendo le formazioni delle altre squadre il Palermo non dovrebbe avere grosse difficoltà a raggiungere la promozione. Ovviamente se Zamparini non destabilizza tutto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nunzio Carini - 4 mesi fa

    …prima di giudicare vediamo se sono buoni! Ma sempre negatività! Ci stiamo ferendo da soli scoraggiando chiunque venga nel palermo e chiunque ha voglia di restarci! BASTA LA IETTATURA CONTRO LA SQUADRA! Non ci sto più! Zamparini se sbaglia o cazzeggia si contesta! ma i giocatori no! BASTA VERAMENTE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carmelo Pesco - 4 mesi fa

      Forse perché già siamo scottati dalle esperienze passate con squadra imbottita di slavi fin troppo pippe?? Può essere che ne pensi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Nunzio Carini - 4 mesi fa

      se sono pippe lo dirà il campo…poi questi non sono slavi ma polacchi…una tradizione calcistica più rilevante! Speriamo! pazientiamo …senza mettere il carro davanti ai buoi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Fabrizio Redina - 4 mesi fa

      Concordo con nunzio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Gae Leo - 4 mesi fa

      La serie B si vince con gente cazzuta che conosce la categoria non con le scommesse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Toni Mabbut - 4 mesi fa

      non fate abbili. li critichiamo appena retrocedono non prima. forza stadio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Nunzio Carini - 4 mesi fa

      che ne sai se non sono cazzuti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Pietro Pollara - 4 mesi fa

      Ma diamoci tempo conosciamo prima di criticare come si fa critica una persona se non sai quello che è i polacchi non sono gli ultimi che sono giocare a pallone di mezzo qualcuno forte sicuramente ci sarà

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Possono venire pure dall’Alaska, l’importante è che siano buoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio Gullà - 4 mesi fa

      Si, ma il rischio che non siano buoni è alto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Questo è chiaro, ma magari 1 su 3 va bene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. nick - 4 mesi fa

    a me quello che lascia basito è come uno che va blaterando di voler vincere il campionato continua a prendere gente senza esperienza…che vanno a sostituire i migliori
    appena perderemo rispoli e nestorosly altro che promozione dovremo guardarci dietro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giuseppe Garofalo - 4 mesi fa

    Ma cosa me ne frega se sono polacchi russi o tedeschi l’importante che siano bravi seri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy