Nino La Gumina: “Palermo, a gennaio stavo per tornare. Sogno il tandem con Lo Faso in rosanero”

Nino La Gumina: “Palermo, a gennaio stavo per tornare. Sogno il tandem con Lo Faso in rosanero”

L’intervista all’attaccante classe ’96 di proprietà del Palermo: “La Ternana poi non ha dato il via libera. Da parte mia c’era lo spirito giusto per provare a dare un contributo alla squadra rosanero”.

8 commenti

Un buon inizio di stagione, poi l’infortunio, il rientro dopo oltre quattro mesi e, infine, un impiego non continuativo.

La stagione vissuta da Antonino La Gumina alla Ternana si riassume così: meno di venti partite disputate, tra campionato e Coppa Italia, e due gol messi a segno con la Prima Squadra delle Fere. A gennaio scorso, quando stava per completare l’iter riabilitativo, il classe ’96 stava anche per tornare alla base, a Palermo: sarebbe dovuto essere il terzo innesto della finestra di riparazione, dopo le operazioni (nulle) Toni Sunjic e Stefan Silva. Ma tra i due club non è stato raggiunto l’accordo per il rientro anticipato alla base. “E io non nego che, vedendo i risultati di quest’anno, ho pensato a un certo punto che avrei potuto dare una mano anch’io al Palermo – ha spiegato lo stesso La Gumina attraverso le colonne del Giornale di SiciliaLa Ternana non ha dato il via libera. Da parte mia c’era lo spirito giusto per provare a dare un contributo al Palermo”.

Adesso La Gumina, 21enne, sogna di imporsi con la maglia del Palermo: “Spero possa arrivare il mio momento. Sono molto legato ai colori rosanero e spero ci possa essere la possibilità di giocarmi le mie carte. Tornare a giocare per la squadra della mia città e lottare per riportarla in Serie A sarebbe il massimo per me”, sottolinea l’ex Ternana che nelle prossime settimane avrà un confronto con la società (nuova o vecchia che sia). Si parlerà di futuro, di progetto tecnico, magari di rinnovo: del resto, La Gumina continua ad aver mercato.

Closing Palermo, Zamparini: “Baccaglini? Chiuderemo a breve. Si confronta sempre con me”

Dovessero essere confermati lui e Simone Lo Faso, i due ricomporrebbero la coppia che ha fatto faville al Viareggio alle Final-Eight della stagione 2015-16. “Con Simone – aggiunge La Guminaho condiviso diverse esperienze con la Primavera, nelle quali ho imparato ad apprezzare le sue qualità. Siamo rimasti in contatto e forse in alcune circostanze quest’anno sperava in una maggiore considerazione”.

Calciomercato Palermo, ag. Lo Faso: “Vogliamo chiarezza dalla società, diversi club su Simone”

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Valerio Anastasio - 6 mesi fa

    C’è un alone di leggenda intorno ai calciatori della primavera del Palermo. La loro storia rosanero e, soprattutto, quella scritta altrove dimostra che sono stati TUTTI dei fallimenti. L’unico diventato professionista con ottimi risultati è l’unico di cui non si parla mai: Terranova. Bentivegna proviene da due esperienze fallimentari a Como ed Ascoli. La Gumina, prima e dopo l’infortunio non ha fatto nulla di memorabile. Lo Faso è un mistero, dicono abbia numeri, qui ha dimostrato poco perché gestito malissimo ma ha bisogno di giocare, e molto. Si tratta di giovani ma non giovanissimi: basta guardare Ajax-Lione di Europa league per avere idea di cosa siano i giovani talenti. Noi li abbiamo avuti (Kjaer, Cavani, il primissimo Hernandez), giocatori di ben altro spessore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Francesco Pirrotta - 6 mesi fa

      In realtà abbiamo lanciato giocatori come Sirigu e Acquah. Abbiamo in rosa Goldaniga, Fulignati e Pezzella.
      In Serie B, al Bari, è diventato titolare un certo Micai.
      Non abbiamo il settore giovani dell’Atalanta, ma qualche giocatore ad alti livelli lo troviamo..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Valerio Anastasio - 6 mesi fa

      Suvvia, Fulighnati e Pezzella? Hanno raccattato qualche manciata di presenze in una squadra di serie C prestata in modo vergognoso alla serie A. Goldaniga? Non mi pronuncio. Acquah è diventato un onesto giocatore, Micai gioca in una squadra di serie B di metà classifica. Il talento, il giovane talento non è certamente tra questi nomi. Sirigu ha fatto una carriera strana, lanciato per caso da Zenga, una prima ottima stagione, poi una appena discreta prima dell’addio. Al Paris St. Germain una prima ottima, poi in panchina. Passa al Siviglia (in panca) per poi finire all’Osasuna (il Pescara della Liga). Di certo è quello con la maggiore visibilità, ma il resto sono modesti giocatori, come lo sono Bentivegna e La Gumina (almeno fino ad ora)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. D'angelo Marco - 6 mesi fa

    E se mettessimo lo faso bentivegna la gumina ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Massimo Sibilla - 6 mesi fa

    io vedrei bene lui lo faso e bentivegna e pezzella a palermo visto che sono i nostri e tutti c’e li chiedono cosa pensa il palermo di prendere dei giocatori piu forti? ma come cavolo ragiona la società mezza serie a vogliono i nostri giovani e noi si li regaliamo per un pugno di pinoli e due arachidi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Lorenzo Ricotta - 6 mesi fa

    U tandem affittanu a Mondello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Antonello Provenzano - 6 mesi fa

    Zamparini punterà a vendere tutti, come ha fatto capire questa mattina in un’intervista, facendo il prezzo dei giovani …
    Prenderemo un’altra manata di slavi della Serie B Serba, a dispetto dei post e degli articoli che dicono che gli slavi sono fuori …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Michele Caminita - 6 mesi fa

    sogna sogna

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy