Murawski: “Ecco come ho cambiato ruolo a Palermo. Futuro? Non ci penso, ma…”

Murawski: “Ecco come ho cambiato ruolo a Palermo. Futuro? Non ci penso, ma…”

Il centrocampista, intervistato dal sito della Federazione polacca, ha spiegato come ha cambiato il suo ruolo dall’arrivo a Palermo

Parola a Radoslaw Murawski.

Arrivato in Sicilia nell’estate 2017, il centrocampista polacco ha saputo conquistare sempre di più un posto fisso nel reparto centrale dei rosanero. Con Tedino prima e con Stellone poi, il classe ’94 si è adattato via via a diversi ruoli a centrocampo, giocando davanti la difesa o più avanzato dietro le punte. Le soddisfazioni non sono mancate, assist e gol hanno concluso una stagione esaltante in Serie B per il centrocampista che oggi vuole ritagliarsi sempre più un ruolo fondamentale nel gioco dei rosanero.

Intervistato dal sito della federazione polacca, il numero 35 rosanero ha spiegato come nel corso degli ultimi anni il suo ruolo sia cambiato radicalmente: “All’inizio giocavo come centrocampista difensivo, il mio ruolo era solitamente limitato a fermare gli attacchi avversari senza mai essere coinvolto nella fase offensiva. A Palermo è cambiato tutto, questo dovrebbe aiutarmi a crescere. Ho giocato in tutte le posizioni nella seconda linea, spesso creo situazioni da gol, la palla passa tra i miei piedi e partecipo anche alle azioni d’attacco. È capitato anche di iniziare la partita sulla fascia destra e dopo 20’ il mister mi ha chiesto di andare a sinistra; sono situazioni che creano confusione agli avversari. Mi piace questa versatilità”.

Murawski: “Cionek mi ha aiutato ad ambientarmi, mi ha trattato come un fratello. Ci sentiamo ancora…”

“Futuro? Non mi piace guardare avanti, ma devi sempre sapere quali sono i tuoi obiettivi. Il livello della Serie B è molto alto, il Palermo è una squadra chiamata alla promozione in A e ho un contratto con i rosa fino al 2020. Spero di poter esordire in A proprio con il Palermo- ha concluso-, credo di poter avere la possibilità di giocare in uno dei cinque migliori campionati europei”.

Murawski: “Lo staff medico sta attento alla nostra salute. Ma la Polonia mi manca perché…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy