MUNOZ: “Io il nuovo Samuel? Ecco cosa in comune”

MUNOZ: “Io il nuovo Samuel? Ecco cosa in comune”

Palermo-Inter conserva sempre il suo fascino sia per il blasone dei nerazzurri che per le vittorie dei rosa. Lultimo incontro al Barbera finì 4-3 con Mangia in panchina , prima di ripetersi a.

Commenta per primo!

Palermo-Inter conserva sempre il suo fascino sia per il blasone dei nerazzurri che per le vittorie dei rosa. Lultimo incontro al Barbera finì 4-3 con Mangia in panchina , prima di ripetersi a San Siro con 4-4 pirotecnico. Intervistato da FcInternews, Ezequiel Munoz, difensore del Palermo ha commentato la gara di domenica e gli avversari che i rosa affronteranno. “Palacio è un grande attaccante. Anche se il campionato argentino è diverso da quello italiano, era chiaro a tutti che avrebbe avuto un grande futuro davanti a sé. Vi posso svelare che nellanno in cui abbiamo giocato insieme fece cinque gol in sette partite in Copa Libertadores, dimostrando tutto il suo potenziale. Merita di stare in una squadra importante come lInter”. Capitolo Silvestre fino ad ora largentino non ha reso secondo le aspettative. “Non penso sia giusto parlare di flop, può capitare ad un giocatore che lambientamento in una nuova realtà con ambizioni maggiori sia complicato. Matias è un ottimo giocatore e sono certo che avrà modo di dimostrarlo. Ci sentiamo spesso, a volte ci siamo anche visti, ma non parliamo di calcio”. Quando Munoz è arrivato in Italia, in tanti lo hanno paragonato a Samuel, un confronto pesante ma chi ha le spalle larghe sa che solo attraverso il lavoro si può crescere. “Samuel è sicuramente un modello per tutti i difensori argentini, ha fatto una grande carriera e certamente un giorno mi piacerebbe raggiunere i traguardi che ha raggiunto. Penso che siamo due giocatori differenti, ma con una cosa in comune: tanta determinazione e grinta”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy