Moggi: “Zamparini prova ad andare in B da alcuni anni. Palermo, un peccato vederti così. Calciopoli…”

Moggi: “Zamparini prova ad andare in B da alcuni anni. Palermo, un peccato vederti così. Calciopoli…”

Le parole dell’ex direttore generale della Juventus: “Dev’essere veramente difficile lavorare al Palermo se il ds Faggiano (arrivato dopo aver fallito per un soffio la promozione in A con il Trapani) si dimise dopo qualche mese preferendo andare in Lega Pro a Parma”.

10 commenti

Il Palermo continua a far parlar di sé sui giornali. E non certamente per aspetti positivi.

Attraverso le colonne di ‘Libero Quotidiano‘, è arrivato – come ogni settimana – il commento di Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus. “I primi rimbalzi del pallone nel 2017 ci confermano che Maurizio Zamparini ha notevoli possibilità di centrare la retrocessione, obiettivo che sembra perseguire da qualche anno – scrive Moggi -. È un peccato veder così ridotto il Palermo e il ko di Empoli ha aggravato la classifica (-7 proprio dai toscani quartultimi). Dev’essere veramente difficile lavorare in questo club se il ds Faggiano (arrivato dopo aver fallito per un soffio la promozione in A con il Trapani) si dimise dopo qualche mese preferendo andare in Lega Pro a Parma“.

Nel suo editoriale, spazio anche per commentare quanto accaduto al San Paolo, sabato sera. “In Napoli-Samp pesa la decisione dell’arbitro Di Bello che espelle il doriano Silvestre per (non) aver commesso fallo su Reina: in gergo di giustizia ordinaria sarebbe frode a ‘consumazione anticipata’, con l’arbitro indagato perché, sbagliando, potrebbe essere considerato colpevole di aver favorito volutamente (?) il Napoli, mentre per la magistratura sportiva il caso potrebbe comportare al massimo una tirata d’orecchie. Volendo confrontare i due metri di giudizio troveremmo delle difficoltà, ma come ben si sa i magistrati sono uomini e come tali hanno le loro debolezze e anche i loro risentimenti… specialmente se tifano per una squadra. In Calciopoli, ad esempio, nonostante il campionato sia regolare poiché non risulta alcuna partita alterata (per ammissione dello stesso tribunale sportivo) si è giunti alla massima pena per chi evidentemente (non) ha commesso il fatto mentre il tribunale ordinario ha confezionato frodi (?) a ‘consumazione anticipata’ (e quindi a discrezione del giudicante) nelle quali sono stati però assolti tutti gli arbitri indagati, tanto da non capire bene dove la ‘consumazione’ sia cominciata e come sia finita. Vai a capirci qualcosa… Di cattivo gusto, poi, la dichiarazione di Reina nel dopo gara: ha detto di essere stato toccato ma la tv dimostra il contrario“, ha concluso Moggi.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Peppe Cordova - 1 mese fa

    Moggi ha ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tommaso Comignano - 1 mese fa

    Aiutaci tu Luciano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Amorelli - 1 mese fa

    Da anni Zamparini dice di non avere più soldi..dice che vuole vendere..dice che compra futuri campioni.
    Secondo me..quello che “dice” non importa più. È chiaro il suo intento..Zamparini ogni anno tenta la fortuna sperando di mantenere la categoria con calciatori a fine carriera oppure sconosciuti.
    La storia di Zamparini al Palermo è conclusa. È stato un bravo Presidente..adesso sta facendo “schifo” .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Michele Consiglio - 1 mese fa

    Moggi, per quanto personaggio discutibile, ha sempre fatto tutto quello che ha fatto nell’interesse della squadra per cui lavorava. Zampolik, negli ultimi 6 anni, ha lavorato solo ed esclusivamente per le proprie tasche. Fa male leggere commenti di gente ancora convinta che via lui il Palermo farebbe la fine del Venezia. Il Venezia ha fatto la fine che ha fatto CON Zamparini presidente. Fu lui a trascinarlo nel baratro, venendo a Palermo e portandosi dietro i migliori giocatori. Meditate, gente… meditate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Linus Larrabee - 1 mese fa

      Vero, ma… assumendo che faccia lo stesso, andandosene da Palermo e portandosi i giocatori, non vedo chi possa essere considerato una perdita per il Palermo: lui come presidente vale meno di Ferrara o Polizzi (a mia memoria) e i giocatori non sono buoni nemmeno per la Lega Pro (alcuni li abbiamo addirittura dati alla Serie C Belga!).
      Mi spiace per il probabile fallimento della società, che vuol dire ricominciare da zero, ma non credo che dati via Jajalo, Chochev, Trajkovski, Goldaniga, Gonzelz, Posavec, etc. ne perderemmo molto. Tra l’altro, la maggior parte di quelli con mercato li venderà.
      Siamo alla fine

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Michele Consiglio - 1 mese fa

      Io questo lo dico da tempo. Io penso che, lasciando il Palermo, uscirà dal calcio. Penso che, proprio per questo, voglia realizzare il più possibile vendendo tutto il vendibile, magari prendendo il paracadute, vendendo la società e basta. Sono convinto che, da quando ha capito che per quanto riguarda le sue mire nella costruzione del nuovo stadio non c’è trippa per gatti, questa sia la sua unica intenzione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Francesco Carmucco - 1 mese fa

    Lui, almeno, giocava “a vincere”. Zamparini invece non chiude nessun arbitro negli spogliatoi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Moggi rileva il Palermo ti prego

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Autolesionismo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Vincenzo Sparacino - 1 mese fa

    Vero Luciano!! Ben detto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy