Messaggero Veneto su Palermo-Torino: “Gufata sia. Udinese, sperare nelle disgrazie dei rosa non è il massimo”

Messaggero Veneto su Palermo-Torino: “Gufata sia. Udinese, sperare nelle disgrazie dei rosa non è il massimo”

Riflettori puntati su Palermo-Torino e sul campionato dell’Udinese per l’edizione odierna del ‘Messaggero Veneto’.

Commenta per primo!

Ennesima sconfitta in campionato per l’Udinese della famiglia Pozzo.

La squadra allenata da Gigi Delneri, reduce dal 2-1 maturato sabato contro la Juventus allo Stadium, è ferma a quota sette punti, ad una lunghezza dal Palermo. E una vittoria del Palermo, che questa sera sfiderà al Barbera il Torino di Sinisa Mihajlovic, potrebbe permettere agli uomini di Roberto De Zerbi di superare e lasciare la compagine friulana nelle zone rosse della classifica.

“Ritrovarsi qui, come qualche mese fa, prima dell’estate, a guardare con attenzione cosa produce in termini di punti il Palermo potrebbe sembrare – senza mancare di rispetto a Maurizio Zamparini – deprimente per l’Udinese. Perché abbandonare quello scorticato ramo da gufi era l’unica vera ambizione del tifoso friulano, in particolare dopo l’ultima stagione, dopo tutte quelle domeniche passate a chiedere e a chiedersi: cosa fa il Carpi? E il Frosinone? E il Verona? E il Palermo? Sperare nelle disgrazie altrui non è il massimo – scrive l’edizione odierna de ‘Il Messaggero Veneto’ -, soprattutto per una squadra abituata negli anni – decenni – a costruirsi con le proprie mani le sue fortune. Succederà anche questa sera, nel quadro del solito spezzatino servito caldo caldo dalla nostra serie A che oggi propone un posticipo, Palermo-Torino. Ai rosaneri basta un punto per agganciare l’Udinese, una vittoria per spedirla in piena ‘zona B’, anche se i granata, con l’aria dell’alta classifica nei polmoni non sono avversari accomodanti. Che gufata, vero? Vabbè, e gufata sia, a patto che sia l’ultima così smaccatamente antisportiva, pensando che sia l’eredità delle incertezze di Beppe Iachini, credendo che quella vista allo Juventus Stadium, nonostante la sconfitta, sia la faccia giusta dell’Udinese. Quella che deve mostrare senza paura e paure nel giro di pochi giorni prima al Pescara (domenica) e poi al Palermo (nel turno infrasettimanale) di giovedì. Sì, sempre il Palermo. Un tormentone. Ma almeno con la Juve qualcosa si è mosso. E se son rose…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy