Matheus Cassini: “Vi racconto la mia infanzia. Felice per gol vs Calciochiese. Serie A un mondo da scoprire”

Matheus Cassini: “Vi racconto la mia infanzia. Felice per gol vs Calciochiese. Serie A un mondo da scoprire”

Il neo-attaccante del Palermo, Matheus Cassini, è stato intervistato dal Corriere dello Sport: oggetto di discussione il primo gol messo a segno con la maglia rosanero contro.

Commenta per primo!

Il neo-attaccante del Palermo, Matheus Cassini, è stato intervistato dal Corriere dello Sport: oggetto di discussione il primo gol messo a segno con la maglia rosanero contro il Calciochiese nell’ottavo e ultimo test pre-campionato per la squadra di Beppe Iachini. “Ho pensato: ‘Finalmente!’. Così non mi chiederanno più quando segnerò. Scherzi a parte, anche se non era quello della finale di Champions, il gol fa parte del mio bagaglio e rende comunque felici. Si può esultare per una rete che solitamente passa inosservata? Si può, se ci si crede. Ogni cosa ha la sua importanza, il gol come un passaggio o un assist. Per me il calcio italiano è un mondo da scoprire. Non ho mai giocato in Serie A né in B, né in campionati che non fossero giovanili. C’è sempre spazio per un sorriso. Ho scritto sul diario: che sia una stagione di successi. Non cambio idea – ha dichiarato Cassini -. Ho vissuto un’infanzia serena e di questo debbo ringraziare i genitori. Nel tempo libero mi piaceva andare al centro commerciale o stare a casa con i videogames. Il mio primo pallone me lo regalò nonna Suely, che è anche accesa tifosa del nipotino, e mi divertivo a prendere a pallonate tutto quello che c’era nel comodino, con il mio miglior amico Lucas, mio fratelo Daniel e tanti altri. L’unica indispettita, la nonna. Ancora fa l’inventario dei vasi rotti. Ho preso il diploma ma studiare non mi piaceva. In educazione fisica avevo il massimo dei voti e il professore mi adorava. L’unico, forse (risata, ndr)”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy