Mariano Gonzalez-Mediagol: “Tre anni con Guido Carrillo. Palermo, ti svelo le sue doti. Giocatore straordinario, è da top club”

Mariano Gonzalez-Mediagol: “Tre anni con Guido Carrillo. Palermo, ti svelo le sue doti. Giocatore straordinario, è da top club”

Nei prossimi giorni si prenderà la decisione finale. I rosanero si pronunceranno definitivamente su Jonathan Calleri, punta di proprietà del Boca Juniors, per il quale gli Xeneizes.

Commenta per primo!

Nei prossimi giorni si prenderà la decisione finale. I rosanero si pronunceranno definitivamente su Jonathan Calleri, punta di proprietà del Boca Juniors, per il quale gli Xeneizes pretenderebbero una cifra vicina ai 9 milioni di euro. Il Palermo riflette, consapevole che un acquisto dall’Argentina dovrà pur mandarlo in porto, perché c’è un vuoto da colmare, quello creato dalla cessione di Paulo Dybala. Il primo pensiero di Gerolin, direttore sportivo del club di viale del Fante, è rivolto a Calleri (’93), ma vi è da segnalare come non sia ancora tramontata del tutto la pista che porterebbe a Guido Carrillo dell’Estudiantes.

Si dice un gran bene del centravanti classe ’91 originario di Magdalena. Pareri positivi che vengono espressi anche da una vecchia conoscenza rosanero, Mariano Gonzalez. L’attuale trequartista del Santamarina parla in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it di Carrillo. “Conosco bene Guido. Con lui ho condiviso circa tre anni all’Estudiantes, dal 2011 al 2013 e poi nel 2014. E, nonostante la scorsa stagione io sia passato al Santamarina, siamo rimasti molto amici. Prima di essere un grandissimo calciatore, è un professionista esemplare. Umile, con la testa sulle spalle ed è un ragazzo determinato – spiega Marian Speedy Gonzalez a Mediagol.it -. Passando all’aspetto puramente tecnico, posso assicurare che avrà un futuro brillante, diciamo in un top club europeo. Ve lo descrivo. Fisicamente ha dei mezzi importanti, sfrutta la sua altezza per avere la meglio sugli avversari. E’ dotato di un potente stacco e sa giocare bene di sponda per favorire i compagni. Però – precisa – l’altezza non deve ingannare. Il suo allenatore, Gabriel Milito, infatti lo sta forgiando per farlo diventare una punta completa. Nelle ultime stagioni è divenuto un attaccante agile, che sa ritagliarsi lo spazio per calciare anche dalla distanza. Insomma, chi lo compra, fa un buonissimo affare. Al momento si trova nel momento migliore della sua parabola da calciatore. Infine, si tratta di un leader carismatico, è uno di quei giocatori che si sacrificano molto per la sua squadra. Ha molta intensità, corre tanto e non si risparmia mai“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy