Mariano Gonzalez-Mediagol: “Carrillo? Un po’ Toni, un po’ Crespo. Bomber senza fronzoli, pronto per l’Europa”

Mariano Gonzalez-Mediagol: “Carrillo? Un po’ Toni, un po’ Crespo. Bomber senza fronzoli, pronto per l’Europa”

Una volta aver percepito le reali pretese economiche del Boca Juniors, il Palermo, un paio di settimane fa, iniziò a pensare seriamente a un’alternativa a Jonathan Calleri, punta inizialmente.

Commenta per primo!

Una volta aver percepito le reali pretese economiche del Boca Juniors, il Palermo, un paio di settimane fa, iniziò a pensare seriamente a un’alternativa a Jonathan Calleri, punta inizialmente valutata 12 milioni di euro. Il profilo vagliato a quel punto fu quello di Guido Carrillo, attaccante classe ’91 dell’Estudiantes che Gerolin aveva già avuto modo di osservare dal vivo in diverse occasioni. Negli ultimi giorni, però, le richieste del Boca si sono abbassate e i rosanero si trovano nelle condizioni di poter scegliere quale pista percorrere. Priorità verrà data a Calleri, ma l’opzione Carrillo non è del tutto tramontata.

Per conoscere meglio l’attaccante originario di Magdalena, la redazione di Mediagol.it ha intervistato in esclusiva l’ex rosanero Mariano Gonzalez che con Carrillo ha giocato proprio ai Pincharratas per tre stagioni. “A quale attaccante potrei paragonarlo? Negli ambienti interisti dicono possa essere il nuovo Milito, ma io non credo che assomigli al Principe. Per il fiuto del gol e per come si muove in area di rigore, mi ricorda un po’ il mio ex compagno al Palermo, Luca Toni, anche se Guido è meno alto di Luca – rivela Mariano Gonzalez a Mediagol.it -. Se dovessi però darvi un paragone che calza proprio a pennello, direi che ha quelle movenze che hanno contraddistinto, durante la sua brillante carriera, Hernan Crespo. Sì, lo ricorda molto Hernan. Tecnicamente è ben dotato, sfrutta adeguatamente il proprio fisico, poi il suo punto di forza è che gioca in maniera semplice. Non si addentra in dribbling impossibili, è concreto. E il suo gioco si è rivelato essere fin qui vincente. Credo potrà far benissimo in Europa – profetizza l’attuale trequartista del Santamarina -. Nel giro di pochi anni lo vedremo in un top-club del Vecchio Continente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy