Mafia: sequestrati beni per 1 milione di euro all’imprenditore che gestiva il bar del ‘Renzo Barbera’

Mafia: sequestrati beni per 1 milione di euro all’imprenditore che gestiva il bar del ‘Renzo Barbera’

Sequestrati beni per 1 milione di euro a Giovanni Li Causi. L’imprenditore carinese gestiva il bar dello stadio Renzo Barbera.

Commenta per primo!

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo hanno sequestrato beni per un valore complessivo di circa € 1.000.000,00 a Giovanni Li Causi, nato a Carini nel 1969, tratto in arresto nel mese di aprile 2010 nell’ambito dell’operazione “Hydra”, ed in atto sottoposto a regime carcerario.

Secondo quanto accertato dai carabinieri nel corso delle indagini patrimoniali, i beni di Li Causi, che avrebbe favorito l’ascesa in Cosa nostra del boss Giulio Caporrimo, sarebbero frutto di attività illecite. I sigilli sono scattati anche al bar di Li Causi presso lo stadio ‘Renzo Barbera’ di Palermo, lasciato in gestione ad altra società, oltre a nove rapporti bancari, due veicoli e una villa a Carini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy