Lupo-Mediagol: “Ecco i club che si giocheranno la A. Calo Palermo dopo il giro di boa? C’è un motivo…”

Lupo-Mediagol: “Ecco i club che si giocheranno la A. Calo Palermo dopo il giro di boa? C’è un motivo…”

Il dirigente abruzzese, ex direttore sportivo del Palermo, stila la sua personale griglia in merito alla lotta per il salto di categoria nell’attuale campionato cadetto…

Una visione panoramica dell’universo calcio di cui scruta con attenzione dinamiche, evoluzioni e prospettive.

Fabio Lupo prosegue il suo percorso di aggiornamento ed ottimizzazione sul piano professionale in giro per l’Europa in attesa del progetto tecnico e dirigenziale che ne esalti le indubbie qualità.

L’ex direttore sportivo del club di Viale del Fante, in esclusiva ai microfoni della redazione di Mediagol.it, ha stilato la sua personale griglia in merito all’avvincente corsa promozione che sta caratterizzando il torneo cadetto attualmente in corso di svolgimento, quando mancano ormai 8 giornate dal termine della regular season .

“Lotta per la A? Non è semplice perché le squadre hanno un loro equilibrio e a dimostrarlo è proprio la classifica. Sicuramente il Brescia è la compagine che ha avuto più continuità grazie al sistema di gioco e alle certezze che hanno trovato le corso del campionato. Il Palermo però ha un organico superiore sia alle Rondinelle che al Lecce, è chiaro che sulla qualità del gioco incidono diversi fattori e non devo essere io a dire quali possano essere. Non è in discussione né la bravura del tecnico né la qualità dei giocatori, purtroppo alcune dinamiche societarie vanno ad influire in maniera negativa su quello che può essere il momento della squadra. Alle spalle di queste tre squadre ci sono Benevento e Verona che nel rush finale possono dare fastidio, c’è un quintetto di squadre che ha qualcosa in più rispetto al Pescara e alle altre squadre che lottano per la zona playoff”.

Il dirigente abruzzese si è inoltre soffermato sulla sistematica metamorfosi, in stile dr Jekyll e Mr Hyde, degli uomini di Roberto Stellone che, dopo un girone d’andata a vele spiegate, al giro di boa si sono complicati notevolmente la vita vanificando i 5 punti di vantaggio sulle contendenti accumulati prima della pausa invernale.

“Girone di ritorno del Palermo perennemente negativo? L’anno scorso per una ragione e quest’anno per un’altra sono venute meno a un certo punto del campionato delle certezze: la passata stagione per le decisioni del patron e in questa invece le vicissitudini societarie. Quando la squadra alle proprie spalle non ha delle certezze ne risente sul piano del rendimento, è normale che la questione societaria abbia avuto dei ricorsi ancora più incisivi sul rendimento della squadra. Entrambe le flessioni hanno un punto in comune ossia la mancanza di equilibrio, l’anno scorso determinate da una scelta voluta mentre quest’anno dovuta a vicissitudini sulle quali non voglio addentrarmi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy