La ‘pippa’ Nestorovski non si ferma più e segna anche a Buffon. La rivincita della punta in cui (quasi) nessuno credeva

La ‘pippa’ Nestorovski non si ferma più e segna anche a Buffon. La rivincita della punta in cui (quasi) nessuno credeva

Contro l’Italia la grande prestazione di un attaccante che un noto giornalista di Sky aveva definito “una pippa”.

6 commenti

Il povero che diventa principe, il brutto anatroccolo che diventa cigno, la ‘pippa’ che segna al portiere più forte della storia del calcio. Chissà che qualcuno alla fine non si senta in dovere di chiedere scusa a Ilijia Nestorovski, considerato a lungo dalla critica più feroce come l’anello debole del Palermo e oggi terminale offensivo cinico e spesso decisivo della squadra di De Zerbi.

Ieri sera l’attaccante rosanero ha segnato il quinto gol stagionale, il secondo con la nazionale macedone. Ad incassarlo proprio quell’Italia che l’ha accolto in estate tra lo scetticismo, nonostante arrivasse portando in dote il titolo di capocannoniere del campionato croato e diverse annate in doppia cifra nel curriculum. Lanciato da un tremendo errore di Verratti, il centravanti del Palermo ha puntato Bonucci, uno che in estate poteva passare al City per 60 milioni, e l’ha disorientato guadagnandosi lo spazio per concludere alle spalle di un monumento come Gigi Buffon. Un gol che ha aperto la strada al momentaneo break dei macedoni, che pochi minuti dopo sarebbero anche passati in vantaggio, prima di farsi rimontare e battere nei minuti finali. Inoltre, nel primo tempo, Nestorovski aveva anche colpito da lontano con un bel tiro di collo pieno. Una prestazione importantissima, degna di un signor attaccante. Perché allora quasi nessuno tra tifosi e addetti ai lavori ha creduto davvero nelle qualità del macedone?

QUI L’AGGIORNAMENTO SULLE CONDIZIONI DI NESTOROVSKI, USCITO DAL CAMPO PER INFORTUNIO

DOVE NASCE LO SCETTICISMO – Nestorovski aveva senza dubbio numeri da bomber già prima di ieri sera, anzi, prima ancora di approdare in Serie A (69 gol in 90 partite), ma ha scontato il fatto di arrivare da un campionato come quello croato non esattamente tra i più seguiti d’Europa. In pochi lo avevano mai visto giocare prima del ritiro estivo e anche lì le sue prestazioni e i suoi progressi non potevano certo essere monitorati dal grande pubblico. Chi c’era vi potrà confermare che, al di là delle comprensibili lacune di tipo tattico, il ragazzo già a Bad Kleinkirchheim aveva dimostrato di veder bene la porta. I segnali positivi c’erano, ma erano ancora troppo flebili per rassicurare il tifoso, che ama il Palermo e trema all’idea di affidarne l’attacco ad un giocatore non affermato, come nessun genitore si sognerebbe di affiderebbe il proprio bambino ad uno sconosciuto. Il rischio non piace a nessuno e la stessa dirigenza rosanero negli ultimi giorni di mercato si era quasi convinta ad affiancare al macedone un attaccante più rodato nel nostro calcio. Quando è sfumata qualsiasi pista, suo malgrado Nestorovski è diventato il simbolo del fallimento delle tante trattative imbastite dai rosanero ed ha dovuto convivere coi fantasmi di Balotelli, Ciofani, Iemmello, Cassano, Palacio, Bergessio e tutti gli altri. Chiunque in quel momento sembrava meglio del povero macedone, diventato improvvisamente un ripiego anche per Ballardini che col Sassuolo gli preferì un Quaison totalmente fuori ruolo. Una mancanza di fiducia da parte dell’ambiente a cui gli appelli di Faggiano e Zamparini, che invitavano a credere nelle qualità del macedone, non riuscirono a porre rimedio.

IL VIDEO DEL GOL DI NESTOROVSKI A BUFFON

IL RISCATTO – Eppure Nestorovski non ha mollato e fin da subito ha trovato la strada per farsi apprezzare dai tifosi per l’impegno profuso. Non si tratta di un fenomeno, non sarà mai un altro Cavani o un altro Dybala e nemmeno un altro Toni. Nestorovski è però un buon attaccante, che in Serie A sta dimostrando di poterci tranquillamente stare senza vergogna. Già dalle prime gare, quando di palloni giocabili ne riceveva pochissimi, ha sempre fatto a sportellate con i difensori, pressato come un matto e rincorso la palla fino al novantesimo. Così, anche in tempi bui in cui ancora in tanti invocavano il ricorso disperato al mercato degli svincolati, Nestorovski è riuscito a guadagnarsi il rispetto della curva. Durante il match col Crotone il macedone si è finalmente sbloccato, cominciando a segnare gol belli e pesanti. Quello coi calabresi ha regalato un pareggio in trasferta fondamentale per il morale. La girata con l’Atalanta ha permesso al Palermo di trovare la prima vittoria stagionale, mentre la seconda con la Sampdoria è sfumata soltanto in pieno recupero. Nonostante i primi gol realizzati il direttore di Sky Sport, Fabio Caressa, a Radio DJ non ha esitato a definirlo comunque ‘una pippa’. Nestorovski non si è scomposto e ha continuato a segnare, prima contro Israele, poi addirittura contro l’Italia di Buffon, Bonucci e Barzagli. Un gran gol, una traversa da fuori area, una prestazione da centravanti vero. Basteranno perché qualcuno smetta di considerarlo una ‘pippa’? 

Mariano Calò

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. paki - 2 mesi fa

    Molti danno giudizi ma capiscono realmente poco di calcio, il giornalista sportivo dovrebbe chiedere hai difensori italiani perchè Nestorosky era tanto difficile da marcare al di là dei gol lui ha caratteristiche particolari che lo rendono davvero forte (ha sempre il pallone vicino hai piedi).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. uskebasi - 2 mesi fa

    Chi l’ha detto che non potrà essere al loro livello? Cavani all’inizio era uno sconosciuto, Dybala un investimento andato male, Toni uno scarto dell’infermeria e sono andati via da fenomeni. Se poi le alternative erano Bergessio, Iemmello e compagnia, ha fatto bene Faggiano a non proseguire le trattative. Lasciatelo giocare e segnare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pit - 2 mesi fa

    Visto che ha definito Nestorovski una “pippa”, mi piace ricordarLe che la presunzione non paga mai, Sig. Caressa, nè in campo e né fuori. Questo vale per Lei e per i “divi” che, ieri, insieme a Lei, hanno fatto una figuraccia di fronte al valore di chi lavora sempre con impegno e modestia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. filipponucci_579 - 2 mesi fa

    Zamparini e Faggiano ci avevano visto giusto su Nestorovski. Non sarà Cavani ne Toni, ne Dybala. Infatti sarà Nestorovski, un campione con una sua identità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wolf979 - 2 mesi fa

      Ceeeertoooo!!! Ma come, prima non era una scartina? Tutti a fare i DS, che eravamo un’accozzaglia e che sto Nestorovski era da lega pro e adesso PAF come per magia è diventato un campione con una sua identità. Picciò, poi quando il friulano dice che i palermitani sono faccioli e che non si accontentano mai non ci lamentiamo! Io rimango sempre dell’idea che ancora non ha fatto vedere nulla. Quando diventerà un giocatore indispensabile allora si che potremo chiamarlo CAMPIONE!!!
      PS: Evitate sti commenti che quello ci sguazza e in questo momento starà facendo indigestione di tutte le fette di carne che ha mangiato alla faccia nostra!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Wolf979 - 2 mesi fa

      Signori miei, non ve ne uscite con questi messaggi! Ma come, prima Nestorovski era uno scarto dell est, che non sa ne dribblare ne saltare l’uomo e adesso PAF, come per magia, è diventato un campione con una sua identità? Quello in questo momento si starà pavoneggiando e lo convincerete sempre di più che di calcio ne capisce. Poi quando dice che Palermo non è da grande calcio e che i tifosi sanno solo contestare, non vi lamentate!!!
      Si, ha fatto qualche gol ma di qua a definirlo campione ancora ce ne vuole!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy