La Gazzetta dello Sport: “Gilardino insegna a Icardi come lavora un 9. L’attaccante del Palermo vince la sfida a distanza”

La Gazzetta dello Sport: “Gilardino insegna a Icardi come lavora un 9. L’attaccante del Palermo vince la sfida a distanza”

Riflettori puntati su Alberto Gilardino per la ‘Rosea’

4 commenti

“Sponde e protezione, Gilardino insegna come lavora un 9. Il centravanti del Palermo gioca da punto di riferimento avanzato al contrario di Icardi, troppo lontano da Jovetic”. Titola così l’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’ in merito a Palermo-Inter, match giocato ieri sera al Renzo Barbera. E riflettori puntati sull’ottima prova di Alberto Gilardino, autore della rete che ha consentito alla sua squadra di pareggiare 1-1. “Lezione di ‘centravantismo’ applicato alla squadra. Il maestro in cattedra è stato Alberto Gilardino, l’allievo (indisciplinato) Mauro Icardi, e non solo – anzi, quasi per niente – per il gol che l’attaccante del Palermo ha segnato vincendo la sfida a distanza con il giovane nerazzurro. Che può diventare uno dei migliori 9 del mondo, e l’ha già dimostrato con le 22 reti della stagione scorsa, ma che ha ancora tanto da imparare: non basta starsene lì davanti e aspettare che arrivi il pallone giusto, in certe partite come quella di ieri serve partecipare al gioco, dare una mano ai compagni, offrire un punto di riferimento lì davanti. Icardi non lo ha fatto, Gila invece ci è riuscito alla grande: del resto, è stato uno dei punti distintivi di tutta la sua carriera – si legge -. Una delle caratteristiche principali dell’ex centravanti della Nazionale è la capacità di venire incontro al centrocampo, difendere il pallone e smistarlo. Ben 7 le sue sponde ieri sera, con 14 passaggi positivi su 19. Nel sistema di gioco del Palermo, questo aspetto è particolarmente importante. Gila, spalle alla porta, può infatti aspettare e servire Vazquez che agisce e ha agito dietro di lui: ‘El Mudo’ può così partire guardando in faccia i difensori avversari e ha diverse soluzioni di passaggio, perché i due esterni spingono e i due interni di centrocampo sono bravissimi a inserirsi (Hiljemark più in diagonale a sinistra in raddoppio a Lazaar, Rigoni più verso l’area avversaria). A questo si aggiunga la regia lucida di Maresca (50 passaggi positivi) ed è così che il Palermo ha tenuto testa all’Inter, pur tenendo meno il controllo del pallone e sbagliando più passaggi”.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Graziella Germani - 2 anni fa

    Grande Gila

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesco Arusa - 2 anni fa

    Grande partita del Gila…alla faccia delle critiche ricevute fino ad oggi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mietta Scola - 2 anni fa

    Ciao uomo quasi libero puo’ essere che ci si possa vedere piu’ spesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ignazio Caradonna - 2 anni fa

    …traduciamo: la vera scuola italiana di calcio ha formato sempre dei grandi calciatori…peccato che adesso i giovani della primavera non trovino più spazio nelle squadre italiane….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy