Joao Silva: “Ero convinto di poter dire la mia. Spiego mio addio. Iachini? Rispetto le sue scelte”

Joao Silva: “Ero convinto di poter dire la mia. Spiego mio addio. Iachini? Rispetto le sue scelte”

“Ero convinto di poter dire la mia con la maglia del Palermo. Ma non ho giocato, fa parte del calcio”. Lo ha detto Joao Silva, intervistato ai microfoni di Tuttomercatoweb. L’attaccante portoghese,.

Commenta per primo!

“Ero convinto di poter dire la mia con la maglia del Palermo. Ma non ho giocato, fa parte del calcio”. Lo ha detto Joao Silva, intervistato ai microfoni di Tuttomercatoweb. L’attaccante portoghese, che ieri ha rescisso consensualmente il suo contratto con il Palermo, ha spiegato i motivi del suo addio. “Ho bisogno di giocare. Iachini mi ha chiamato tante volte prima di andare al Palermo, era stato un motivo in più per andare in rosanero. Il Palermo è una squadra importante, ero felice di giocare in rosanero – ha dichiarato Joao Silva -. Poi non ho capito che è successo. Quando non giochi non sei felice. Iachini ha fatto le sue scelte, le rispetto. Perché ho rifiutato Bari a gennaio? Mi hanno chiamato alla fine del mercato di gennaio, avrei dovuto fare tutto in fretta. Avevo già fatto le cose di fretta una volta in estate, due volte no. Così sono rimasto al Palermo, ho fiducia nelle mie qualità”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy