Imborgia: “Cambio Lupo-Valoti? Non incisivo. Zamparini ha dei consiglieri in malafede, ma ha un merito…”

Imborgia: “Cambio Lupo-Valoti? Non incisivo. Zamparini ha dei consiglieri in malafede, ma ha un merito…”

Le parole del noto operatore di mercato ed ex difensore palermitano, Antonino Imborgia, per ciò che concerne il sollevamento dall’incarico di direttore sportivo del Palermo di Fabio Lupo, e l’arrivo del neo ds Aladino Valoti…

Parla Antonino Imborgia.

Il noto operatore di mercato ed ex difensore palermitano, intervenuto ai microfoni di Tuttomercatoweb, ha commentato il sollevamento dall’incarico di direttore sportivo del Palermo di Fabio Lupo, e l’arrivo del neo ds Aladino Valoti (che si è presentato proprio ieri alla stampa). Di seguito le sue dichiarazioni in merito alla vicenda.

(Valoti si presenta: “Ringrazio Zamparini per questa opportunità, abbiamo le carte in regola per la A. Di Marzio e Curkovic…”)

Il Palermo ha cambiato direttore sportivo. Da Lupo a Valoti. Lei, da palermitano, come la vede?
Non è che il cambio del direttore sia riconducibile ai risultati… Mi ero meravigliato quando Lupo è arrivato a Palermo perché non vedevo un filo caratteriale. Non voglio fare la Cassandra ma anche Valoti è molto pacato proprio come Lupo, di carattere sono uguali. Zamparini però è così: non penso che il cambio possa incidere sul rendimento della squadra, quello dipende dalle capacità di Tedino. Conosco Fabio Lupo da almeno dieci anni, dal punto di vista caratteriale e il modo di porsi sicuramente non è uno che urla. Non è il direttore che attacca al muro un calciatore. Ma il Palermo non mi sembra neppure una squadra difficile da gestire. Non la penso come Zamparini da tanto tempo, anche se a differenza di altri palermitani gli riconosco lo storico di aver dato al Palermo le migliori squadre della sua storia. Per vendere i vari Cavani, Dybala e Pastore bisogna anche comprarli. Se poi mi si chiede se preferisco Zamparini o Renzo Barbera rispondo Renzo Barbera perché aveva un modo diverso di gestire persone e situazioni. Detto questo Zamparini fa quello che vuole perché il Palermo è suo, ma non era il momento di cambiare il direttore sportivo, a questo punto era inutile. Da questo però si evince una cosa“.

Cioè?
Beh, è evidente che Zamparini abbia dei consiglieri non all’altezza o in malafede. Il Palermo comunque ha una squadra forte. Poi se uno si mette fare casino e complica le cose normali si rischia. Gente di calcio che ha una logica non può fare cambiare il direttore sportivo così all’improvviso. Zamparini lo conosco bene, ci ho parlato tante volte anche se il tempo annacqua i ricordi. Quello che fa è frutto di cattivi consigli da parte di persone incapaci oppure in malafede“.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 10 mesi fa

    Il prossimo a saltare è Tedino che sarà sostituito da Mutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy