Il Palermo adesso cerca il bomber. Balotelli, Okaka, Ciofani i nomi per l’attacco. Con l’Inter tocca a Nestorovski?

Il Palermo adesso cerca il bomber. Balotelli, Okaka, Ciofani i nomi per l’attacco. Con l’Inter tocca a Nestorovski?

Mentre la squadra prepara l’insidiosa trasferta in casa dell’Inter, la dirigenza rosanero lavora per gli ultimi colpi di mercato. Dopo Diamanti i tifosi sognano Balotelli.

Commenta per primo!

I rinforzi chiesti da Ballardini, uno dopo l’altro, stanno lentamente arrivando in rosanero.

Dopo Nestorovski, Embalo, Rajkovic, Aleesami, Sallai e Gazzi è atterrato a Palermo anche Bouy. Diamanti e Bruno Henrique sembrano ormai ad un passo, rimane da sistemare l’attacco, reparto in cui al momento l’unica prima punta di ruolo è proprio il neoacquisto Nestorovski. I rosanero hanno perso in quella zona del campo Uros Djurdjevic, autentica meteora della scorsa stagione, e Alberto Gilardino, passato all’Empoli dopo aver rescisso consensualmente il contratto che lo legava al Palermo. Serve così un attaccante che non renda il macedone capocannoniere dell’ultimo campionato croato l’unica alternativa e che rappresenti una garanzia qualora qualcosa andasse storto col suo ambientamento. In questo senso l’esclusione dal primo minuto di domenica, con Ballardini che gli ha preferito un Quaison fuori ruolo, non promette benissimo. Il nome che fa sognare i tifosi è quello di Mario Balotelli, attaccante di proprietà del Liverpool nato proprio a Palermo. L’attaccante è fuori dai piani del suo club e il suo agente Mino Raiola sta cercando una squadra che lo rilanci. Falliti gli approcci coi top club si stanno aprendo spiragli anche per club di secondo piano. L’operazione, però, sembra avere costi proibitivi e difficilmente il Palermo potrà spuntarla. Un canale preferenziale Faggiano potrebbe esserselo guadagnato durante i colloqui con l’agente italo-olandese per Ouasim Bouy, suo assistito approdato in rosanero nelle ultime ore. La pista più concreta, al momento, è quella che porta a Ciofani del Frosinone. Anche per l’attaccante di Avezzano non mancano le difficoltà, coi ciociari che chiedono 5 milioni per lasciare partire la punta e il Palermo che si è fermato a 3. In salita l’ipotesi Okaka, destinato a lasciare l’Anderlecht, ma bloccato da un ingaggio molto alto.

Mentre Faggiano lavora sul mercato, a Boccadifalco Ballardini prepara la trasferta di Milano. Per la gara coi nerazzurri il tecnico di Ravenna difficilmente apporterà modifiche sostanziali al suo schieramento, confermando per l’ultima partita prima della sosta il 3-4-3 dell’esordio. In difesa mancherà Rajkovic e Cionek non è certo della riconferma, al loro posto potrebbero giocare Goldaniga e Andelkovic a far compagnia a Vitiello nel reparto arretrato. A centrocampo non dovrebbero esserci sorprese, mentre l’attacco è tutto da decifrare. Quaison prima punta e Balogh sulla fascia non hanno convinto, scalpitano Embalo e Nestorovski.

Le statistiche parlano di un confronto proibitivo per i rosanero, che nella storia della Serie A non hanno mai espugnato il campo dell’Inter. Quella nerazzurra è la squadra con cui il Palermo ha subito più gol in assoluto nella massima serie e addirittura non rimane a secco di reti nei confronti casalinghi coi rosanero da 47 anni (febbraio 1969). Nei 28 precedenti a San Siro 20 successi nerazzurri e 8 pareggi, una vera garanzia di insuccesso per il club di viale del fante. Anche rimanendo nella più stretta attualità i numeri non parlano a favore della squadra di Ballardini: nessun portiere nel primo turno di campionato ha dovuto fare tante parate quante Posavec (7), mentre l’attacco rosanero è quello che ha prodotto meno tiri dall’interno dell’area di rigore (soltato 3).

Mariano Calò

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy