Il Mattino: “Palermo da incubo, la capitale del calcio del Sud è Napoli”

Il Mattino: “Palermo da incubo, la capitale del calcio del Sud è Napoli”

La cruda istantanea del quotidiano campano a proposito della situazione del calcio nel Meridione.

3 commenti

Il calcio nel Sud Italia vive un momento particolare. Se da una parte c’è il Napoli che vola verso un piazzamento Champions e spera nello scudetto, dall’altra parte l’unica altra rappresentante del Meridione fatica a garantirsi la salvezza. Negli ultimi anni sono venute a mancare compagini che erano diventate punti di riferimento come Reggina, Catania e Lecce, così adesso il ruolo di capitale del calcio del Sud se lo giocano esclusivamente Napoli e Palermo. Questa l’analisi de Il Mattino.

Il derby del Sud ha già il suo re: non c’è certo bisogno dell’esito della gara di domani sera per capire che è il Napoli ad avere instaurato un qualcosa che somiglia tanto a una dittatura. Le due capitali del Sud affrontano la sfida vivendo momenti diversi, una sogna la scudetto, l’altra vive l’incubo della retrocessione. La geografia del calcio, quasi sempre, è lo specchio economico dei tempi. Un’istantanea, a volte secca e brutale, che ci racconta lo stato di ricchezza e di povertà delle nazioni, delle regioni, delle città. La Campania e la Sicilia: non c’è altra traccia di meridione nella nostra serie A, in attesa che il Crotone completi la grande impresa e vinca il campionato di serie B. La Puglia è senza squadre dal 2012 (il Lecce), la Calabria dal 2009 (la Reggina). Dalla stagione 2013-2014 al fianco del Napoli c’è sempre stata una sola squadra meridionale: il Catania e poi il Palermo. Bisogna tornare poi indietro alla stagione 2003-2004 per trovare nel massimo campionato soltanto due formazioni meridionali (Lecce e Reggina). Prima, col Napoli in serie B, era persino peggio: nel 2001-2002 c’era solo il Lecce, l’anno dopo solo la Reggina. Entrambe adesso precipitate in Lega Pro. Il boom nel campionato 2008-2009 con Catania, Lecce, Palermo, Reggina e Napoli: mai la serie A aveva vissuto una simile esplosione di squadre meridionali.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. francesco70 - 1 anno fa

    Non può esistere un confronto tra una squadra con grandi campioni in rosa,e l’altra con delle pippe.La vera differenza sono i due presidenti.Uno investe e fà le cose in grande,l’altro è al tramonto.Ma sono convinto che qualora i Palermitani avessero una squadra degna di tale nome,non farebbero mancare di certo il loro sostegno.Vedi finale coppa Italia contro l’Inter,o la semifinale al Barbera contro il Milan.Dateci un vero Presidente!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mario Corso - 1 anno fa

    E’ vero colpa di Zamparini che dopo averci illuso, pensando ai suoi guadagni, ci sta trascinando in serie B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Il Bono - 1 anno fa

    Loro hanno un presidente legato alla maglia, noi abbiamo un mercenario che guarda solo al profitto. Andando in serie B con il paracadute il palermo guadagnerà bei soldoni. Ecco perché scenderemo. Se avessimo avuto un del aurentis a palermo… Certi signori come Cavani, Dybala ecc.. non sarebbero andati via così velocemente. Il Napoli ha Higuain da anni ed ho detto tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy