Iachini: “Icardi è sicuro di sé, ma non superbo. Eder lavora molto per la squadra”

Iachini: “Icardi è sicuro di sé, ma non superbo. Eder lavora molto per la squadra”

Le parole del tecnico del Palermo.

Commenta per primo!

Poco più di ventiquattro ore e sarà Inter-Palermo. “Dico che at­tor­no alle qua­lità di Icardi che ha sem­pre avuto si è co­strui­to una per­so­na­lità che già aveva forte, spic­ca­ta, senza mai de­ro­ga­re dalla pro­fes­sio­na­lità”. Parola di Beppe Iachini. Il tecnico marchigiano, intervistato da ‘La Gazzetta dello Sport’, ha speso parole d’elogio per Eder e Mauro Icardi. “Un aned­do­to con Icar­di? Nien­te di par­ti­co­la­re, cer­ta­men­te fa­ce­va­mo tanti mo­vi­men­ti in campo. La­vo­ra­va tanto, era quo­ta­to e anche co­no­sciu­to: ve­de­va la porta ed era gol. Un gior­no fa­cem­mo una par­ti­tel­la, la clas­si­ca prima squa­dra con­tro la Pri­ma­ve­ra. La par­ti­ta dopo lo misi in campo e segnò allo Juve Sta­bia – ha dichiarato Iachini -. Ca­rat­te­rial­men­te era già un fred­do? Direi equi­li­bra­to più che fred­do. Ha piena con­vin­zio­ne nei pro­pri mezzi, è si­cu­ro di sé senza sfo­cia­re nella su­per­bia: e que­sto l’ho sem­pre tro­va­ta una virtù. Che fac­cia stra­be­ne o fac­cia male, non si esal­ta e non si ab­bat­te: ha forza in­te­rio­re e gran­de sta­bi­lità in­te­rio­re. Eder sa ve­de­re la porta ma sa anche la­vo­ra­re molto per la punta cen­tra­le e per la squa­dra”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy