Gilardino: “Non ho esultato mimando il violino? C’è una ragione”

Gilardino: “Non ho esultato mimando il violino? C’è una ragione”

La spiegazione del bomber di Biella.

Commenta per primo!

Il Barbera vuole ancora assistere alle reti di Alberto Gilardino, fin qui in gol solamente tra le mura amiche. Nell’ultima circostanza (nel match contro il Chievo), il bomber ex Guangzhou non ha esultato alla sua maniera, cioè mimando il gesto del violino. “C’è una ragione. Domenica, contro il Chievo l’esultanza è stata talmente istintiva che avevo voglia di scaricare la tensione e abbracciare tecnico e compagni – spiega l’attaccante rosanero a Mediaset Premium -. Era fondamentale vincere uno scontro diretto così importante: alla fine si è trattata solamente di una casualità il non aver suonato il violino (sorride, ndr)”.

Gilardino: “Ballardini, io e te ci inseguiamo sempre. Prima il Palermo e la salvezza, poi la Nazionale”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy