Gazzi: “L’espulsione brucia. Ecco perché zero punti in casa”. Aleesami: “Che potenza questo De Zerbi”. Nestorovski e Balogh si esaltano in nazionale

Gazzi: “L’espulsione brucia. Ecco perché zero punti in casa”. Aleesami: “Che potenza questo De Zerbi”. Nestorovski e Balogh si esaltano in nazionale

Parlano il centrocampista e l’esterno del Palermo. I due attaccanti in gol con Ungheria U21 e Macedonia.

Commenta per primo!

Finisse oggi il campionato di Serie A il Palermo sarebbe praticamente retrocesso, eppure l’ambiente rosanero sta vivendo la pausa per le nazionali con una certa serenità. Le ultime prestazioni hanno rassicurato i tifosi, la classifica è molto corta e se gli uomini di De Zerbi riusciranno a non fallire le occasioni più abbordabili per far punti saranno in grado di tirarsi fuori dalle zone calde.

La prima occasione per tornare a muovere la graduatoria potrebbe arrivare già al ritorno dalla sosta, nel match casalingo contro il Torino. I granata sono una tra le squadre più in forma del momento, ma le pause per le nazionali rappresentano spesso un’incognita e con la spinta del pubblico di casa gli uomini di De Zerbi puntano a sorprendere i piemontesi. Mancherà l’ex Alessandro Gazzi, squalificato dopo l’espulsione nel match contro la Sampdoria. “Un rosso nell’arco di una carriera, ci può anche stare”, ha detto il classe ’83 nel corso di un evento organizzato dal club rosanero. “Palermo-Torino sarà la 1000esima partita dei rosa in Serie A, è un traguardo speciale, speriamo di festeggiare nel migliore dei modi. Sarà una gara difficile, però giocheremo in casa e cercheremo di mettercela tutta per avere la meglio. Siamo consapevoli di aver fatto una buona partita contro la Sampdoria. Certo, abbiamo un po’ l’amaro in bocca per il gol subito al 94′, ma adesso dobbiamo pensare alla prossima sfida. L’espulsione? Sì, brucia tanto non poter giocare la prossima, ma d’altronde nell’arco di una carriera ci sta di prendere un rosso. Peccato, perché mancavano pochi minuti alla fine di quella gara”.

“Il supporto dei tifosi è importante, però dipende tutto da noi: dobbiamo farli tornare numerosi allo stadio, attraverso prestazioni convincenti, con il nostro spirito e la voglia di far bene“, ha proseguito l’ex Torino, soffermandosi poi sulle qualità della squadra rosanero. “Per questo Palermo è importante mettere sempre spirito di gruppo, è il fattore che ci sta contraddistinguendo sempre di più. Per quanto riguarda la classifica è giusto ricordare che il campionato è appena cominciato. Abbiamo avuto un inizio tosto, adesso dobbiamo continuare così perché la stagione è ancora lunga. Dobbiamo avere continuità e consapevolezza dei nostri limiti e inquadrare gli obiettivi prefissati in estate. È vero che non abbiamo ancora fatto punti in casa, ma è anche perché al Barbera abbiamo affrontato squadre come Sassuolo, Napoli e Juventus. Al di là di questo, noi non dobbiamo guardare al passato, bensì partita dopo partita”.

Tra i protagonisti in positivo di questo inizio di stagione c’è anche Aleesami, che sta lavorando con la nazionale norvegese. L’esterno si sta facendo notare per l’efficacia delle sue discese sulla fascia e dal ritiro della selezione scandinava ha parlato della nuova avventura in maglia rosanero, soffermandosi soprattutto sul tecnico De Zerbi. “Ha un’energia incredibile, una passione che non avevo mai visto negli allenatori che ho avuto nella mia carriera. Lavora su ogni particolare e non ammette cali di concentrazione. Cura ogni dettaglio, specialmente la postura che per lui è importantissima per avere la meglio sui contrasti con gli avversari. Tra l’altro è come se lui giocasse ancora, perché ha una condizione atletica invidiabile… corre più di noi, ha un’energia da non credere: è come se fosse ancora un calciatore. Potrebbe fregarmi il posto da terzino, è una forza della natura. Sento che stiamo migliorando tutti grazie a lui. Trasmette un’energia positiva e ci fa allenare e faticare col sorriso. La squadra è di alta qualità, per questo motivo De Zerbi era stupito dal fatto che non riuscissimo a imporre il nostro gioco fino a qualche settimana fa. Ma lui sembra avere la formula giusta per farci volare“.

Ieri mattina il Palermo si è allenato al Tenente Onorato in vista della sfida coi granata di lunedì 17 ottobre. Dopo i consueti esercizi di riscaldamento De Zerbi ha riservato ai suoi lavori di forza seguiti da esercitazioni tecniche in campo. La seduta si è conclusa con una partitella in porzione ridotta del campo. Accursio Bentivegna e Robin Quaison hanno lavorato regolarmente con i compagni. Carlos Embalo e Josip Posavec si sono sottoposti alle cure dei fisioterapisti. Lavoro differenziato, infine, per Aleksandar Trajkovski.

Ieri è stata una giornata estremamente positiva per i nazionali rosanero impegnati. Balogh e Sallai giocavano contro il Portogallo. Al Gyirmóti Stadion di Gyor dove l’Ungheria Under-21 ha affrontato i pari età lusitani per il nono match delle qualificazioni agli Europei di categoria. 3-3 il punteggio finale: la rete del pareggio magiaro è stata segnata da Norbert Balogh, attaccante del Palermo. Roland Sallai, ha disputato 65 minuti, uscendo al 20′ della ripresa per far spazio a Forgács. In gol anche Nestorovski che nel Gruppo G di qualificazione ai prossimi mondiali giocava in casa con la sua Macedonia contro Israele. Il gol della punta rosanero è servito soltanto ad accorciare le distanze, dopo che nel primo tempo gli ospiti erano andati in vantaggio di due gol. Al 95’ il clamoroso errore dal dischetto da parte di Jahovic ha impedito ai padroni di casa di completare la rimonta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy