Gazzetta dello Sport: Vazquez, sei tu il leader di questo Palermo. Fino a giugno…

Gazzetta dello Sport: Vazquez, sei tu il leader di questo Palermo. Fino a giugno…

Poche ore alla prima uscita stagionale del Palermo di Beppe Iachini: stasera il match di Coppa Italia con l’Avellino. L’ultima intenzione dei rosanero è rimediare una magra figura come fatto.

Commenta per primo!

Poche ore alla prima uscita stagionale del Palermo di Beppe Iachini: stasera il match di Coppa Italia con l’Avellino. L’ultima intenzione dei rosanero è rimediare una magra figura come fatto l’anno scorso, sempre al Barbera, contro il Modena di Walter Alfredo Novellino. L’attacco dei siciliani sarà costituito dal tandem VazquezBelotti. Con il Gallo sul piede di partenza, l’ambiente rosa punta tutto sul ‘blindatissimo‘ italo-argentino.

“Il Palermo riparte dal suo fuoriclasse. Franco Vazquez è stato investito del ruolo di trascinatore, la scommessa che è diventata certezza, il talento puro che dovrà mettersi la squadra sulle spalle per farla viaggiare sulle ali della fantasia – si legge a proposito del Mudo sull’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport‘ -. È quello che gli chiede Iachini fin da questa sera in Coppa Italia con l’Avellino. Il Mudo dovrà riprendere da dove aveva lasciato a fine campionato: colpi di classe e gol pesanti, come i 10 messi a segno nel sua prima stagione in Serie A, dimostrando che le sue giocate funzionano anche senza Dybala e di non sentire la mancanza del suo gemello argentino […]. Per Vazquez quella che sta per iniziare può essere la stagione della definitiva consacrazione, verso il grande salto che lui sperava potesse arrivare già da questa estate. Gli estimatori non mancano, come i tentativi per provare a prenderlo, il più importante quello della Juve che ha cercato di imbastire una trattativa che il presidente Zamparini ha spento sul nascere con tanto di comunicato ufficiale. Il fantasista argentino, insomma, dovrà lanciare il Palermo verso le parti alte della classifica e poi a fine anno potrà dire addio. L’interesse suo e del Palermo coincidono […]. Gli stimoli non mancano per Vazquez, che nel frattempo dovrà iniziare a studiare da leader, perché è quello che tutti si attendono da lui, la squadra, il tecnico, i tifosi. Più continuità e meno pause, più invenzioni e un dialogo migliore con chi lo affiancherà in attacco, anche se non parla la lingua argentina”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy