Fontana incorona Brignoli: “Foschi ci ha visto bene, è da Serie A. Ecco cosa mi piace di lui…”

Fontana incorona Brignoli: “Foschi ci ha visto bene, è da Serie A. Ecco cosa mi piace di lui…”

L’ex estremo difensore rosanero incorona Alberto Brignoli, intuizione riuscita del direttore Foschi in sede di mercato

Protagonista tra i pali rosanero, Alberto Brignoli sta conquistando tutti.

Dalla dirigenza che ha puntato su di lui ai tifosi che, sabato dopo sabato, esultano ad ogni parata dell’ex Benevento, passato alla storia nella scorsa stagione per il gol siglato allo scadere contro il Milan. Un portiere goleador, una garanzia per la difesa che si è laureata come minor battuta del torneo cadetto al giro di boa al termine del 2018. Presentissimo a difendere la porta dei siciliani, con sole tre panchine all’attivo in campionato, l’estremo difensore classe ’91 vuole ripetersi anche nel girone di ritorno.

A parlare di lui,  con un’ulteriore attestato di stima, c’è anche l’ex portiere rosanero Alberto “Jimmy” Fontana che, ai microfoni della Gazzetta dello Sport, ha ribadito: “Mi piaceva già dai tempi della Ternana. Ho sempre pensato che, in prospettiva, aveva qualità per restare stabilmente in A. Vedendo alcuni portieri oggi in massima serie lo confermo. Foschi ci ha visto bene. Qualche anno fa, quando Rino era al Cesena, mi chiese di alcuni portieri e io gli suggerii tre nomi: Cragno, Colombi e appunto Brignoli. Tra quelli che potevano arrivare in prestito, erano i migliori”.

Di lui mi piace il suo modo di guardare i compagni, l’interagire con la difesa. Il portiere eclatante nei gesti, protagonista dopo una bella parata o che rimprovera i compagni, secondo me, alla lunga è deleterio. E poi è definitivo, se deve parare para, se deve respingere respinge. Sa come finire un’azione. Può solo migliorare. Ha l’età giusta per consacrarsi e ha fatto la gavetta, come dovrebbe essere di norma, mentre adesso in Italia vige l’effetto Donnarumma e Meret. Ma è sbagliato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy