Fontana e quel rigore parato a Kakà: “Palermo-Milan fu match equilibrato. Il fallo non c’era, Gilardino si tuffò”

Fontana e quel rigore parato a Kakà: “Palermo-Milan fu match equilibrato. Il fallo non c’era, Gilardino si tuffò”

Era il 28 febbraio 2007 e al Renzo Barbera andava in scena Palermo-Milan: il risultato sarà 0-0, accompagnato da tante polemiche. Intervistato da La Repubblica, l’ex portiere del Palermo,.

Commenta per primo!

Era il 28 febbraio 2007 e al Renzo Barbera andava in scena Palermo-Milan: il risultato sarà 0-0, accompagnato da tante polemiche. Intervistato da La Repubblica, l’ex portiere del Palermo, Alberto Fontata, si è espresso a proposito. “Ricordo una partita equilibrata e soprattutto quel rigore parato a Kakà. Il rigore non c’era. Gilardino non l’ho toccato. Appena è entrato in erea e ha visto che gli venivo incontro si è tuffato. Kakà era un avversario tosto. Decisi di andare da una parte e mi tuffai senza pensare. In quei momenti devi solo cercare di aspettare e partire il più tardi possibile per non dare vantaggio – ha dichiarato Fontana -. Quando ho sentito il pallone sui guanti e ho capito che avevo parato il rigore ho pensato che quella poteva essere una svolta per il nostro campionato. Un girone di andata straordinario, ma poi arrivò l’infortunio di Amauri che condizionò il girone di ritorno. Quando Kakà è partito ho intuito che poteva tirare alla mia destra. Non ho pensato ad altro e mi sono tuffato. In quei casi si gioca tutto su una frizione di secondo. Anche a volere cambiare lato non avrei avuto tempo per farlo. A fine gara si è complimentato stringendomi la mano. Del resto nella mia carriera, posso dire che, sbollita la rabbia per non aver fatto gol, alla fine si sono comportati tutti da signori”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy