FOCUS: C’È ANCORA TEMPO PER EVITARE IL BARATRO

FOCUS: C’È ANCORA TEMPO PER EVITARE IL BARATRO

Nonostante le marchiane topiche gestionali e strategiche che hanno oltremodo destabilizzato un organico di per sé deficitario, c’è ancora margine per conquistare una salvezza che assumerebbe sempre più i contorni dell’impresa.

6 commenti

di Leandro Ficarra

L’aver scongiurato l’incubo della goleada contro il Napoli è una magra consolazione. L’incedere impietoso del calendario ha prontamente acuito la crisi, di identità e di risultati, fardello di una squadra costretta a pagare un dazio psicologico che va ben oltre i suoi inconfutabili limiti strutturali. Il tris di impegni contro Bologna, Inter e Napoli ha sortito la miseria di un punto, come era ragionevolmente nelle previsioni. In mezzo il solito canovaccio isterico e masochista. Gogna pubblica di Zamparini che ha indotto alle dimissioni l’appena riabilitato Iachini, paventato ritorno di Ballardini dissoltosi tra il rigetto dei senatori e richieste inesaudite, l’opzione salomonica Novellino, fido uomo del patron chiamato a salvare il salvabile. Ultimo, si spera, capitolo di una stagione disarmante per la quantità di orrori programmatici e gestionali.

Zavorre che hanno messo in ginocchio un organico che, sul piano squisitamente tecnico, già faticava a stare in piedi. La gestione Zamparini è stata spesso costellata da miopie ed errori di valutazione in sede di mercato, da girandole vorticose di dirigenti, tecnici e calciatori. Quest’anno, come vi abbiamo quotidianamente documentato, si è andati veramente oltre, con pastrocchi burocratici ed organizzativi, scelte ispirate da logiche di opportunità e di scuderia più che meramente tecniche, commistione di ruoli, epurazioni esiziali divenute reintegri, esoneri decretati da calciatori in diretta televisiva, tecnici e dirigenti ombra pubblicamente delegittimati. Tutto ed il contrario di tutto. Firmato, come di consueto, Maurizio Zamparini.

Una sequenza random di rivoluzioni, presunte svolte, dietro front, piccole toppe inadeguate a colmare vere e proprie voragini. Stucchevole condotta all’insegna esclusiva della luna del patron, farcita a tratti da improvvisazione, negligenza e pressapochismo. Scenario che non ha contribuito in maniera edificante all’immagine del club generando un inevitabile e fastidioso riverbero mediatico su scala nazionale.

Disorientata e stordita da questa caotica altalena, la squadra deve fare i conti con le relative criticità mentali, atletiche e motivazionali che ne derivano. Arrovellandosi con mirabile laboriosità sulla sua ineluttabile modestia. Lungi da noi  abbozzare un giudizio sul primo Palermo di Novellino. Monzon ha diretto appena una manciata di sedute, lavorando più sui nervi e sulla testa dei calciatori, impartendo appena qualche nozione tattica basilare del suo verbo calcistico.

In una sfida a dir poco impari ha messo in campo una squadra prudente e tatticamente ordinata. Accettando la netta supremazia in sede qualitativa e di palleggio dei partenopei, provando a togliere la profondità ad Hamsik e soci con maniacale attenzione ai concetti di densità, chiusura delle diagonali e raddoppi di marcatura sull’esterno. Il Palermo c’è riuscito in maniera dignitosa, concedendo al Napoli quelle tre situazioni fisiologiche prontamente sventate dall’ottimo Sorrentino. Dispiace che il rigore che ha stappato il match sia figlio, a nostro avviso, di un abbaglio di Rocchi ed i suoi assistenti. Le immagini rivelano nitidamente la reciprocità della trattenuta tra Andelkovic ed Albiol.

Interessante la variante 4-1-4-1 proposta da Novellino nella ripresa, nonostante la fase propositiva permanga farraginosa e arida, costellata da errori tecnici e di misura poco conformi al livello della categoria. Convince per maturità, disciplina tattica e qualità il giovane Pezzella. Sorrentino e Vazquez le conferme in positivo, Chochev ed Hiljemark quelle in negativo. Preoccupa l’involuzione dello svedese che pare aver smarrito smalto, brillantezza e serenità. Il trio difensivo guidato da Gonzalez, contestualmente al valore degli avversari, non ha demeritato.

La zona salvezza inaugura nel prossimo turno un mini torneo da brividi. Nove partite da giocare per stabilire chi è meritevole di militare nella massima serie anche nella prossima stagione. Il Palermo ha ancora un’incollatura di vantaggio sul Frosinone, che affronterà al “Matusa” nel trentacinquesimo turno, un paio sul redivivo Carpi. Le crisi tecniche che stanno investendo Atalanta ed Udinese hanno concretamente arricchito il lotto delle pericolanti. Il Verona è forse la migliore tra le contendenti per spirito e qualità di organico ma pare irrimediabilmente fuori dai giochi. Due incroci proibitivi per il Palermo, Fiorentina e Juventus entrambe in trasferta, decisivo sarà il poker di sfide al “Barbera” contro Atalanta, Lazio, Sampdoria e Verona.

Empoli e Chievo costituiranno due tappe fondamentali per il gruppo di Novellino. Squadre brillanti, tignose ed organizzate. Avversarie fortemente caratterizzate, seppur in modo diverso, dai rispettivi tecnici. Compagini di valore ma non ingiocabili. Prive di particolari ambizioni e timori latenti, confortate da una classifica rassicurante costruita con largo anticipo. Sul fattore squisitamente motivazionale il Palermo dovrà edificare la sua partita, mostrando quella ferocia, quella cattiveria agonistica, quella voglia indomita di invertire il trend ed evitare un amaro tracollo. I leader dovranno dare l’impulso principe, da Sorrentino a Vazquez, da Maresca a Gilardino, ma è giunto il momento che anche i giovani dalla presunta e potenziale qualità, da Hiljemark a Djurdjevic, da Lazaar a Quaison, passando per Trajkovski, giustifichino la loro presenza sul terreno di gioco. Adesso o mai più. Novellino ed i suoi ragazzi hanno ancora margine per provare a conquistarsi sul campo la salvezza. Traguardo imprescindibile per salvaguardare il presente e schiudere l’orizzonte di un futuro. Obiettivo che, duole sottolinearlo, in virtù dell’imbarazzante serie di topiche strategiche e operative, il club rosanero non meriterebbe di centrare.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. franco44 - 2 anni fa

    Adesso è fin troppo facile concordare totalmente con l’ottimo Ficarra, estensore dell’articolo, ma mi piace aggiungere un mio personalissimo pensiero in ossequio a quanto più volte da me accennato in altre occasioni: non si deve aver timore di attingere a piene mani dal settore giovanile che, visto il disvalore di parecchi elementi che stanno in prima squadra, nel caso specifico palermitano è ampiamente giustificato. Guardate che bel giocatorino è questo Pezzella che è stato aggiunto alla rosa di prima squadra soltanto per l’infortunio del “titolare” Lazaar che spero con tutto il cuore che il buon Novellino lasci in panchina e non ceda, da uomo azienda qual’è, alle sicure pressioni del presidente che vuole soltanto monetizzare in chiave futura sulla sicura cessione dell’esterno marocchino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vincenzo palumbo - 2 anni fa

      dobbiamo sperare che lo venda , poi naturale che pezzella prenda il suo posto, almeno un giovane italiano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. giano - 2 anni fa

      Condivido. Aggiungo che, per quello che sta facendo con la Primavera, mi piacerebbe vedere in azione anche La Gumina. Ho l’impressione che sia più bravo di Djurdjevic e Balogh.
      A non volere che i nostri giovani si affermino è proprio Zamparini che addirittura poi pubblicamente si lamenta per il fatto che dal settore giovanile non vengano fuori giocatori per la prima squadra nonostante l’impegno economico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Willy Wonka Rosanero - 2 anni fa

        E che dire di Bentivegna, anche lui con ottime credenziali maturate con la Primavera, che è stato fatto rientrare da Como per il gioco di Schelotto…? Che fine ha fatto?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Noncisicrede - 2 anni fa

          Bravo, me lo domando ogni santa partita.

          È uno spreco vederlo in panchina.

          Ci siamo ritrovati in una situazione opposta a quella di inizio campionato in cui avevamo le riserve in attacco contate.

          Oggi in rosa abbiamo più attaccanti che altro, di cui l’80% è totalmente da buttare.

          Ragion per cui non capisco perché richiamare dal prestito Bentivegna per lasciarlo in panchina.

          Ma del resto noi siamo gli stessi che abbiamo comprato Cassini, recluso in primavera e a gennaio dato in prestito e di Arteaga, nemmeno un minuto in campo e dato in prestito dopo due settimane dall’arrivo.

          Che amarezza!

          Aggiungo che spero che Lazaar, tornando, non prenda il posto di Pezzella che a differenza sua che penso abbia messo 4-5 cross più o meno utili in tutta la stagione, ha tantissimi margini di crescita.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Louie15 - 2 anni fa

        Infatti. Ricordati cosa ne fece di Sirigu e che cosa ne diceva…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy