Ex Pres. Parma, Ceresini: “Gilardino in gialloblù? Se sta bene, perché no…”

Ex Pres. Parma, Ceresini: “Gilardino in gialloblù? Se sta bene, perché no…”

Parla Fulvio Ceresini, ex proprietario dei ducali.

2 commenti

Fulvio Ceresini, ex presidente del Parma, è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, a proposito del futuro del club ducale, appena promosso in Lega Pro. Spazio anche per parlare di alcuni rumors di mercato che vedrebbero i gialloblù interessati ad Alberto Gilardino.

“Siamo la quarta società italiana più titolata in Europa, l’ultima coppa Uefa è stata vinta dal Parma. Sicuramente il Parma è stata una realtà importante; la società è composta da diversi imprenditori molto seri, che si sono messi insieme per ridare una dignità a questa società, dopo quello che tutti sappiamo è successo. Io credo che questa forza possa sicuramente avere molta ambizione, affinché il Parma torni in Serie A. Quest’anno abbiamo fatto un campionato di Serie D, sicuramente la rosa era composta da giocatori che avevano avuto esperienze in categorie superiori. Io credo che vada rinforzata a livello importante, su 23/24 credo che ne possano rimanere 9/10 – ha detto -. Potrebbe tornare Gilardino? Alberto è un giocatore straordinario, gioca in Serie A. Qui a Parma si è consacrato a livello internazionale, sarebbe una cosa straordinaria se avesse la voglia di rimettersi in gioco e di venire a Parma come una mission per riportare il Parma in alto. Se sta bene fisicamente e ha voglia di guadagnare una cifra compatibile con la categoria certamente in Lega Pro Gilardino farebbe la differenza”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniele Fuxa - 8 mesi fa

    Gilardino fa la differenza anche in serie a quello che molti non vogliono capire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Claudio Iemmola - 8 mesi fa

      vero!
      Avessero costruito la squadra attorno a lui saremmo non più in basso del 10°posto.
      Purtroppo non è andata così.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy