Esclusiva-Mediagol: contatti carioca per la difesa. Palermo, idea Toloi. La situazione

Esclusiva-Mediagol: contatti carioca per la difesa. Palermo, idea Toloi. La situazione

Il nome del brasiliano torna di moda

Commenta per primo!

L’acquisizione di un forte centrale difensivo che possa elevare cifra tecnica e carismatica nel reparto, è una priorità assoluta del mercato in entrata del club rosanero. Il Palermo aveva individuato nella figura di Lorenzo Tonelli, ministro della difesa dell’Empoli classe 1990, il profilo ideale per soddisfare le esigenze del tecnico Beppe Iachini. L’approccio nei confronti dell’entourage del ragazzo è stato piuttosto deciso e l’ipotesi Palermo era stata subito accolta con estremo favore dal centrale difensivo originario di Firenze. Sarebbe intercorsa anche una cordiale telefonata interlocutoria tra Tonelli e il tecnico rosanero proprio al fine di ribadire il forte desiderio di Iachini di farlo un vero e proprio cardine della retroguardia rosa per la stagione 2015-16. Assodata la volontà del ragazzo, il ds Manuel Gerolin avrebbe anche trovato un’intesa di massima relativa all’aspetto contrattuale con l’agente del giocatore Marco Sommella, ma bisognava ancora fare i conti con le pretese dell’Empoli, effettivo detentore del cartellino di Tonelli. Proprio il preventivo pressing nei confronti del calciatore non sarebbe stato gradito dalla dirigenza empolese, la quale avrebbe auspicato di essere chiamata in causa in prima istanza nel caso in cui il Palermo avesse voluto acquisire le prestazioni del proprio tesserato. Ragion per cui il presidente Corsi avrebbe immediatamente sparato alto chiedendo ben sei milioni di euro per la cessione a titolo definitivo del suo difensore. Rispedendo di fatto al mittente l’offerta formulata dal club siciliano che sfiorava i 3,5 milioni di euro. La trattativa non è nata sotto buoni auspici e si è arenata di fronte all’intransigenza del club toscano infastidito dall’atteggiamento dei rosa e forte del cash già incassato dalla cessione di Valdifiori e da probabili imminenti e remunerative operazioni in uscita, non avrebbe la benché minima intenzione di ridimensionare le sue pretese.

Trattativa congelata e di complessa risoluzione che ha indotto il Palermo a vagliare concretamente altri obiettivi. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, il nome nuovo ma non troppo sarebbe quello di Rafael Toloi, difensore centrale mancino classe 1990, già pallino dell’ex direttore sportivo Walter Sabatini che tentò a più riprese invano di portarlo in Sicilia, salvo poi riuscire ad ingaggiarlo una volta nelle vesti di uomo mercato giallorosso. Attento tatticamente e forte fisicamente, il centrale di Gloria D’Oeste rappresenterebbe la tipologia perfetta del rinforzo richiesto da Iachini per quanto concerne la sua retroguardia. Reduce da un’esperienza poco felice con la maglia della Roma, il difensore carioca vorrebbe riproporsi nel calcio europeo e la piazza di Palermo potrebbe costituire per lui l’ideale per giocare con continuità e riscattare la breve parentesi capitolina. Allo stato attuale, secondo quanto raccolto da Mediagol.it, sarebbero in corso dei contatti interlocutori tra l’agente del calciatore e il ds rosanero, Manuel Gerolin, proprio per vagliare la fattibilità dell’operazione. Toloi, che non dispiace neanche al patron Maurizio Zamparini, ha un contratto che lo lega al San Paolo fino al 2017 e, se le parti dovessero trovare convergenza sui parametri economici, l’operazione si potrebbe imbastire sulla base di un prestito con diritto di riscatto da esercitare al termine della stagione. Particolare non di poco conto il possesso da parte del calciatore del passaporto comunitario, avendo origini di Treviso. Sulle sue tracce al momento un altro club italiano starebbe valutando il suo profilo, vale a dire l’Atalanta del ds Giovanni Sartori. Se le parti (Palermo ed entourage di Toloi) dovessero raggiunge un’intesa di massima, Gerolin potrebbe avviare i contatti col San Paolo stesso.

Pista economicamente più accessibile, ma al contempo più defilata quella che condurrebbe a Norbert Gyomber, giovane centrale classe ’92 di proprietà del Catania. Ipotesi che non dispiace particolarmente al numero uno del club di viale del Fante, le cui intenzioni sono quelle di mantenere con lo slovacco uno scenario sempre aperto, da sfruttare qualora non ci fossero i presupposti per completare il passaggio in Sicilia delle precedenti opzioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy