Esclusiva: intervista a Gennaro Ruggiero, centrocampista Palermo (Dichiarazioni e video)

Esclusiva: intervista a Gennaro Ruggiero, centrocampista Palermo (Dichiarazioni e video)

Le parole del centrocampista rosanero Gennaro Ruggiero, intervistato da Lady Mediagol.

Commenta per primo!

INTERVISTA

Bad Kleinkirchheim (dai nostri inviati) – Retrocessione alle spalle, il Palermo ricomincia dal ritiro di Bad per preparare al meglio il prossimo campionato di Serie B da vivere, come annunciato dal presidente Zamparini, da protagonista.

Primo giorno di ritiro per i rosanero che, conosciute le dinamiche del lavoro del neo-tecnico Bruno Tedino, si sono ritrovati alla SportArena per una doppia seduta di allenamento. Al termine della seduta pomeridiana il centrocampista Gennaro Ruggiero è stato l’ospite della punta speciale di ‘Lady Mediagol‘. Al primo ritiro con i rosanero, il classe 2000 si è detto colpito del lavoro svolto con il tecnico ex Pordenone: “Il mister si è presentato bene, mi è piaciuto molto. Ha suonato la carica con la sua voglia. Siamo tutti uniti, c’è il gruppo, ma ora lavoriamo per preparare al meglio la Serie B. Servirà una preparazione mentale, ci dobbiamo riprendere dalla retrocessione. La preparazione fisica, invece frutterà, lo vedremo in campo nel corso della stagione”.

Esordio in A in occasione di Palermo-Genoa, il calciatore napoletano si è reso conto del periodo di disaffezione della tifoseria palermitana: “Nelle ultime partite in A lo stadio è sempre stato vuoto, noi proveremo a fare sempre meglio per portare i tifosi allo stadio. I tifosi sono la nostra forza, il loro calore ci permette di andare a 3000 in campo. Farebbe piacere vederli sempre sugli spalti”.

Punto di riferimento? Nella stagione scorsa era Diamanti, quest’anno Rispoli sarà l’uomo d’esperienza. E’ un bravo ragazzo, è un punto di riferimento per tutti. Mi è dispiaciuta l’esclusione di Alino, ma andiamo avanti e non ci fermiamo davanti a queste decisioni, si cresce. Io come Gattuso? E’ sempre stato il mio idolo, sono cresciuto cercando di essere uguale a lui- ha continuato Ruggiero-. Ho sempre cercato di essere all’altezza, la mia forza sono la corsa e la grinta. Ho pur sempre 17 anni, devo migliorare molto soprattutto la tecnica. Emozione all’esordio? Indescrivibile, non è da tutti fare l’esordio alla mia età. L’ho saputo la domenica stessa quando il mister ha dato le formazioni ufficiali prima della gara”.

“Sono felice al Palermo, mi hanno dato l’opportunità dell’esordio in A. E’ stato difficile integrarmi con la prima squadra, i ritmi sono diversi rispetto al settore giovanile, però con il passare del tempo mi sono integrato e migliorato. E’ stata esperienza utile. Ho legato molto con Lo Faso, è giovane come me e abbiamo fatto lo stesso percorso”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy