E’ tornato Zamparini-Mangiafuoco: il presidente mette fuori dei giocatori e rischia di compromettere le poche certezze del Palermo

E’ tornato Zamparini-Mangiafuoco: il presidente mette fuori dei giocatori e rischia di compromettere le poche certezze del Palermo

Il rischio è di rompere lo spogliatoio rosanero privando della giusta serenità tutta la squadra.

15 commenti

Di William Anselmo

Zamparini contro tutto e tutti. Zamparini padre-padrone che non accetta critiche. Zamparini che se ne frega se con le sue decisioni e dichiarazioni può combinare un disastro. Oggi siamo preoccupati perché mentre Zamparini gioca a fare il presidente, cambiando direttori sportivi e allenatori, il Palermo affonda per una crisi di risultati che a questo punto potrebbe non essere legata soltanto ad un fattore tecnico. La squadra ha i suoi limiti, probabilmente ha una caratura sufficiente per arrivare sopra il terzultimo posto in Serie A e mantenere così la categoria, ma oggi viene messo tutto in discussione perché il presidente è entrato a gamba tesa direttamente su alcuni dei giocatori più importanti per il gruppo e non solo utili per il campo. In una stagione in cui la rosa stenta nella massima serie, il contributo di qualsiasi calciatore diventa fondamentale, soprattutto quello di un uomo d’esperienza come Maresca, di un centrocampista-goleador come Rigoni e di un utile riserva come Daprelà.

Folle rinunciare anche ad un solo giocatore nelle condizioni attuali in cui versa il Palermo. Adesso il nostro ottimismo viene meno e cominciamo a preoccuparci perché la classifica palesa brutti scenari, mentre lo spogliatoio si è spaccato per mano anche delle decisioni del suo presidente.  Facile pensare che l’esclusione di Maresca, Rigoni e Daprelà “dal progetto tecnico” (leggi la notizia qui) voluta da Zamparini sia solo un pretesto, un atto punitivo, contro degli uomini prima che dei giocatori. Il presidente negli ultimi mesi è tornato ad essere nervoso e poco riflessivo, noncurante di danneggiare il club con le sue decisioni estreme.

SONDAGGIO: SEI D’ACCORDO CON L’ESCLUSIONE DI QUESTI GIOCATORI?

Intransigente verso le critiche, prima il patron ha fatto fuori l’allenatore Beppe Iachini che aveva messo in luce a mezzo stampa le scelte sbagliate del calciomercato, e in seguito ai messaggi di commiato di Maresca e Rigoni dopo l’esonero, non aspettava che l’occasione giusta per punire anche loro. Maresca si era “permesso” di fare i conti in tasca al presidente dando merito a Iachini di aver saputo valorizzare Dybala e Belotti per poi venderli bene in estate (“Con Iachini solo record, merito suo se il Palermo ha guadagnato 60 milioni” leggi qui) e Zamparini aveva replicato in modo piccato e deciso (“Maresca ha sparato una stronzata”, leggi qui); Rigoni, invece, qualche giorno fa ha polemizzato sulle frasi di Zamparini che in un’intervista erroneamente ha utilizzato il termine “anziano” per definirlo, al posto di usare la parola “d’esperienza” (“Prendermi per anziano a 30, mi mancava”, leggi qui). Infine la Daprelà, in scadenza di contratto, ancora lontano dall’accordo per il rinnovo.

Ma se la decisione è maturata esclusivamente per il rendimento in campo – cosa a cui non crediamo – perché non escludere anche Vazquez che negli ultimi mesi è stato l’ombra di se stesso e in Coppa Italia, contro l’Alessandria, si è fatto espellere da capitano dopo venti minuti di gioco per una gomitata in faccia ad un avversario? Beh, forse perché è difficile rinunciare ad almeno 20 milioni di euro da una cessione, mentre Maresca, Rigoni e Daprelà difficilmente potrebbero dare a Zamparini una plusvalenza? Eppure si dice che a settembre Vazquez abbia fatto arrabbiare parecchio il suo presidente, e proprio a partire da quel momento anche il suo rendimento in campo non sia stato più lo stesso.

Per questo sembra piuttosto un maldestro tentativo di spostare l’attenzione dopo che i tifosi hanno ripreso a contestare allo stadio Maurizio Zamparini come nell’anno della retrocessione (Leggi qui la reazione degli ultras dopo la sconfitta in Tim Cup). Due piccioni con una fava: fuori dalle scatole i giocatori che non rientrano più nel personale progetto tecnico del presidente e facile capro espiatorio trovato, per spostare i riflettori più che sulle mancanze di Zamparini, sulle presunte mancanze di alcuni giocatori.

Come può lo spogliatoio essere sereno se viene scosso in continuazione dalla persona che più di tutte dovrebbe dare serenità al gruppo? E’ tornato Zamparini-Mangiafuoco, possiamo preoccuparci.

LEGGI I COMMENTI DEI TIFOSI DOPO LA SCONFITTA IN CASA PER 2-3 CONTRO L’ALESSANDRIA

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Salvo da Bali - 1 anno fa

    analizzazione perfetta! se non torna presto sui suoi passi e faccia finalmente un po’ di autocritica come ha gia fatto in passato qui rischiamo di finire in B. purtropo questi sono i limiti del presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mistero - 1 anno fa

    Con tutti quei burattini cui ama circondarsi… la definizione “Mangiafuoco” gli calza benissimo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giuseppe Geraci - 1 anno fa

    E’ un momento di caos ma non credo che Zamparini sia diventato pazzo! Certo è un atto coraggioso privarsi di due giocatori ( il più tecnico dopo Vasquez ma con tanta esperienza) ed un guerriero come Rigoni. E, se permettete, di un certo Iachini che, a mio modesto parere, è l’unico in grado di tirarci fuori da questo caos.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pablito - 1 anno fa

    Io direi di stare tutti molto calmi per ch’ rischiamo grosso se si continua ancora nel tutti contro tutti. Presidente contro giocatori – giocatori contro presidente e allenatore- pubblico contro presidente ed allenatore. Non ne usciamo più ed alla fine se perdiamo tutto potremmo /potrebbero pentirsi tutti del proprio atteggiamento. Quindi facciamo/facciano tutti uin passo indietro e si cerchi per quanto possibile di normalizzare l’ambiente. La squadra è molto scarsa, l’allenatore pure, il presidente è **** e se ci mettiamo pure noi……L’unica soluzione è remare tutti dalla stessa parte per avere qualche possibilità. qualcuno dice cambiamo tutta la squadra… A parte il fatto che non è possibile ricordiamoci l’anno della retrocessione quando a gennaio sono entrati sei/sette giocatori che ci hanno letteralmente finito di affossare.
    Per me l’unica sarebbe quella di richiamare Iachini e cercare di normalizzare per quello che è possibile il tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. il vendicatore - 1 anno fa

    Se un asino arriva ultimo in una corsa di cavalli ci sono due scelte: o bastonare l’asino perchè arriva ultimo oppure prendersela con chi ha portato l’asino a gareggiare contro dei cavalli. chi ha orecchi per intendere intenda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. nick - 1 anno fa

    Hanno fatto pena TUTTI a cominciare da vasquez Lazaar e hiliemark
    Punisce solo quei tre (daprela non vuole rinnovare)
    Pensa che siamo stupidi?
    Che poi a leggere il pretesto del progetto tecnico viene da ridere a parte vendere c’è altro?
    Rigoni dei vari chocev e compagnia ne vale 10

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. gasdi_228 - 1 anno fa

    Si è parlato della contestazione allo stadio ANCHE ai giornalisti,e a ragion veduta ,ma fra i pochi egregio Direttore,devo convenire che lei è uno che si salva.Lo dimostra questo articolo sincero,critico e logicamente misurato in quanto gionalistico.Non sono d’accordo su Maresca in quanto lo reputo un giocatore finito che poteva servire allo spogliatoio ma per il suo coraggio ormai è ovviamente fuori.Ma come si può mettere fuori un Rigoni che fino all’anno scorso era reputato da Nazionale? Allora caccia Lazaar,Rispoli ,,lo stesso Vasquez ,Gonzales. Inutile dissertare ancora,ha detto tutto lei.Zamparini distrugge tutto quel che fa,almeno prima ricostruiva, adesso da 4 anni ama solo smantellare e i motivi per coloro che non hanno l’anello al naso sono ben chiari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. William Lombardo - 1 anno fa

    Zamparini può essere contestato in certi casi ma qui siamo al paradosso: ieri non correvano questi tre “professionisti”. Possono essere contrari alle decisioni amministrative ma ricevono fior fior di soldoni a fine mese

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Danilo Comandè - 1 anno fa

    Articolo perfetto. Ma non va solo criticato zamparini che sta avvelenando un ambiente che era già fragile di suo, ma vanno criticati anche i giocatori che se ne stanno fottendo dell’importanza della maglia che indossano. La tifoseria, sempre più scandalosa e disunita… È tutto l’insieme che non va. Così sembra difficile ottenere la salvezza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Francesco Zanca - 1 anno fa

    Ma voi che scrivete questi articoli perche non glieli dite in faccia queste cose? io non ho mai avuto la possibilita’ di farlo altrimenti lo avrei gia fatto fate sempre questi articoli mangiafuoco bla bla bla….siamo tutti colpevoli dal primo giornalista che ci mangia col Palermo calcio all’ultimo dei suoi tifosi nessuno esente nessuno!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mediagol.it - 1 anno fa

      Francesco Zanca Mediagol è il giornale più letto sul Palermo. Ogni nostro articolo finisce sulla scrivania di Maurizio Zamparini perché il nostro sito è inserito nella rassegna stampa quotidiana che viene inviata al presidente. Ciò che si scrive a mezzo stampa diventa di pubblico dominio. Da sempre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Michele Romeo - 1 anno fa

    Prendessero d’esempio gilardino…lui e SORRENTINO sono gli unici professionisti il resto solo prime donne che pensano a farsi belli o a stare su instagram

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Vinci E Mari Tummizan - 1 anno fa

    Io a gennaio venderei maresca rigoni daprela jajalo rispoli struna e vasquez … e prenderei giocatori ke nei propi club nn trovano spazio o sono poco utilizzati tipo…. maggio zuniga amauri nocerino dodo rugani montoya il pipito rossi più qualke giocatore interessante tipo 3 del crotone stoian budmir e martella….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Giovanni Vella - 1 anno fa

    a questo punto penso che la serie B non c’è la toglie nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Mignosi Dario - 1 anno fa

    Le poche certezze quali sarebbero quelli visti in campo ieri??? Ha ragione zampa!!la maglia va onorata!!!loro sono pagati profumatamente x giocare a calcio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy