Dybala: “Sono cresciuto in fretta, a Palermo mi hanno fatto sentire uno di loro”

Dybala: “Sono cresciuto in fretta, a Palermo mi hanno fatto sentire uno di loro”

Le dichiarazioni dell’attaccante argentino.

2 commenti

L’ex attaccante del Palermo, Paulo Dybala, è stato intervistato dal ‘Corriere della Sera’.

Fra i temi trattati dal talentuoso centravanti argentino, che domenica sera tornerà a disposizione di Allegri dopo un infortunio che lo ha costretto al forfait, anche la sua infanzia e il suo rapporto col padre. “Mio padre aveva una ricevitoria. È morto quando avevo 15 anni. Mi portava alle partite, agli allenamenti. Voleva che uno dei suoi figli diventasse calciatore: mi diceva di non abbassare mai la testa e di lottare per quello che voglio. Sono dovuto crescere in fretta – ha spiegato Dybala -. A 15 anni già abitavo nella ‘pension’ dell’Istituto di Cordoba, mi pulivo la stanza, ero lontano da casa. Poi sono venuto da voi a 18 anni. Dell’Italia conoscevo poco, ma a Palermo mi hanno fatto sentire uno di loro. La mia passione? Il Lego: ho cominciato l’anno scorso a Palermo e mi piace tantissimo. Antonella compra le scatole e mi aiuta. Io mi rilasso, penso ad altro. E pezzo dopo pezzo costruisco qualcosa di bello: proprio come nel lavoro”.

VIDEO, Dybala a un bambino de Le Iene: “Non rompermi il ca**o, non rispondo”

 

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Leonardo Marcenò - 9 mesi fa

    Avete visto il servizio di ieri alle Iene? A me è sembrato che ha fatto la figura del “bimbo Minchia” per come ha trattato quel bambino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Saputo - 9 mesi fa

    Sì, sì. Però l’unico colore che sta bene con il nero è il bianco. Parole tue.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy