Diego Lopez dopo Palermo-Cagliari: “Non molliamo, giocato da uomini. Baccaglini…”

Diego Lopez dopo Palermo-Cagliari: “Non molliamo, giocato da uomini. Baccaglini…”

Palermo con un piede e mezzo in Serie B dopo la sconfitta contro il Cagliari, ma Diego Lopez ci crede ancora: “Giocato da uomini. Non molliamo, non c’è tempo da perdere. Baccaglini…”.

1 Commento

Diego Lopez

“Perché vengo ai vostri microfoni solo adesso? Niente, ho parlato con lo staff tecnico…“.

Comincia così la prima intervista post-partita di Diego Lopez che si presenta ai microfoni di Radio Rai ben un’ora dopo la conclusione della partita che ha sancito la quasi certa retrocessione del Palermo: i rosanero hanno fornito la solita prestazione insoddisfacente. Errori/orrori in difesa e la sensazione di poter subire gol ad ogni azione. “Oggi lo stesso copione. Se guardate le partite contro Torino e Udinese, il copione è identico. Prima segniamo, poi non riusciamo a tenere – ha detto il tecnico uruguaiano -. Il primo tempo lo giochiamo bene, poi, il crollo mentale più che fisico. Non me lo spiego. E’ un addio alla Serie A? Mancano otto partite e non possiamo scrivere già la parola fine. Oggi abbiamo giocato bene nella prima frazione: avevamo fatto anche il secondo gol, ma siamo stati sfortunati con Chochev che si è fatto parare il pallone sulla riga di porta. Nel secondo tempo siamo rientrati e abbiamo subito il pareggio e quindi abbiamo mollato tutto. Non si può mollare tutto. Anche un punto può muovere la classifica“.

PALERMO-CAGLIARI 1-3, LE PAGELLE DI MEDIAGOL. L’accoppiata ‘vantaggio+sconfitta’ brand rosanero da non esportare #facemustasquadra

Lopez si presenta poi in conferenza stampa. “Penso che la riposta sia stata data perché la partita stata fatta da uomini, abbiamo avuto anche la palla del raddoppio poi nel secondo tempo subiamo un crollo mentale come è successo a Torino e Udine. La partita è stata giocata da uomini, ma ribadisco che non riesco a spiegarmi un crollo del genere. Siamo tutti uomini e non lo diventiamo meno solo perché subiamo gol, quella di ieri era una metafora. Il crollo mentale è perché siamo deboli e quando subiamo un gol cadiamo, anche con un pari si va avanti e quindi non dovevamo mollare sebbene questa fosse una partita da vincere”, ha proseguito Lopez che poi ha parlato di Baccaglini e della scelta di schierare in campo Fulignati e non Posavec

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 2 mesi fa

    ma basta!ogni partita facciamo ridere e per lui è sempre tutto a posto
    questo è prendere in giro i tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy