Di Donato: “Sarei rimasto a vita a Palermo. La gestione societaria non mi è piaciuta, la promozione è essenziale per le sorti del club”

Di Donato: “Sarei rimasto a vita a Palermo. La gestione societaria non mi è piaciuta, la promozione è essenziale per le sorti del club”

L’ex capitano rosanero ha analizzato la stagione del Palermo che sta vivendo un periodo negativo in termini di risultati e prestazioni

Daniele Di Donato ricorda la sua esperienza al Palermo.

L’ex capitano rosanero, protagonista del doppio salto dalla C alla A, ha ripercorso la sua carriera al club di Viale del Fante e analizzato la stagione vissuta finora dalla compagine guidata da Bruno Tedino. Queste le dichiarazioni rilasciate dall’ex centrocampista ai microfoni di zonacalcio.net.

“Avevo manifestato la volontà di rimanere a vita a Palermo, perché per me è una piazza unica. A maggior ragione dopo il salto dalla C alla A mi sarebbe piaciuto giocare almeno una partita nella massima serie con la maglia rosanero. Purtroppo, la società ha fatto le sue scelte e ha deciso che non rientravo più nei piani, allora ho dovuto lasciare. Per fortuna, il mio esordio col Siena è coinciso con la partita di Palermo e quindi mi sono potuto gustare il ritorno dei rosa in serie A direttamente dal campo, un’emozione unica! Il Palermo ha avuto giocatori fenomenali negli ultimi anni. Se non li avesse venduti, ora lotterebbe per il titolo. Il paragone con il Napoli è emblematico: quando la squadra di De Laurentiis acquistava Cavani, la società rosanero lo vendeva. L’imprenditore campano ha fatto investimenti importanti e ha avuto un grosso ritorno, in termini tecnici ed economici. A Palermo, invece, non hanno ragionato sul lungo periodo. Relativamente al rapporto tra il Presidente e i tifosi, penso che le contestazioni della piazza non dipendano tanto dalle cessioni, quanto dalla gestione dissennata. Recentemente, ci sono stati troppi cambi di tecnici e dirigenti. Sembrava quasi che Zamparini lo facesse apposta: un anno, ha cambiato quasi un allenatore a settimana. Alla lunga, queste cose si pagano e il popolo palermitano si è stufato. Anche le presunte cessioni agli arabi prima e a Baccaglini poi hanno lasciato di stucco la piazza, che si è sentita raggirata delle chiacchiere. Peccato, perche Zamparini ha fatto vedere un gran calcio ai tifosi, ma ora ha esaurito tutto il credito accumulato. I calciatori e il tecnico fino a poco tempo fa hanno realizzato un capolavoro, pur fra scetticismo e diffidenza. Adesso più che mai bisogna stringersi attorno alla squadra, perché dobbiamo tornare inserie A. A giugno, ci sarà spazio per fare altre valutazioni. La promozione è essenziale per le sorti del club: mancare il traguardo aprirebbe brutti scenari. Non è più il Palermo sicuro e autorevole di qualche mese fa, in grado di imporsi su tutti i campi. I calciatori sembrano aver perso certezze, e subentrata la paura di non farcela. Non è il gruppo dei tempi di lachini o Guidolin, ma sono questi ragazzi che hanno portato la squadra al vertice e hanno tutte le possibilità per centrare l‘obbiettivo. Il pubblico, però, deve aiutare la squadra”.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ultimos - 8 mesi fa

    Di Donato Dirigente a vita!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nick - 8 mesi fa

    Queste sono parole di un vero tifoso.
    Ma d’altronde sappiamo che l’innominabile ha sempre fatto fuori tutti gli idoli della tifoseria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sbt5 - 8 mesi fa

    Non se ne parla neanche finchè c’è quello che prende in giro chiunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy