De Zerbi in bilico, La Gazzetta dello Sport: “Zamparini ci stupisca e rinforzi la squadra sul mercato”

De Zerbi in bilico, La Gazzetta dello Sport: “Zamparini ci stupisca e rinforzi la squadra sul mercato”

Cagliari-Palermo: la partita della verità per Roberto De Zerbi. Il futuro del tecnico rosanero resta appeso ad un filo.

2 commenti

Poco più di ventiquattro ore e sarà Cagliari-Palermo, posticipo che chiuderà l’undicesima giornata di Serie A.

Un match estremamente delicato per i rosanero, reduci da tre sconfitte nette consecutive contro Torino, Roma e Udinese, e per Roberto De Zerbi. Sì, perché nonostante le rassicurazioni di Maurizio Zamparini, la sfida del Sant’Elia potrebbe risultare decisiva per il futuro dell’ex Foggia, chiamato a vincere ad ogni costo. Una situazione analizzata da Nicola Cecere, attraverso l’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’.

“Nel derby delle isole, il Palermo va a Cagliari accompagnato da un dubbio che è ormai un must della gestione Zamparini: se Roberto De Zerbi perde la quarta di fila verrà esonerato? Secondo le ultime voci (che spesso ci azzeccano) è già stato allertato Edy Reja per il subentro in corsa (il 6 novembre ci sarà il Milan). In tal caso, la panchina rosanero passerebbe dal tecnico più giovane al più anziano: 38 anni contro 71. Nelle quindici stagioni siciliane l’irrequieto Maurizio Zamparini si è reso protagonista di 35 cambi in panchina, comprese le restaurazioni: l’associazione allenatori dovrebbe eleggerlo a suo protettore visti i posti di lavoro (28 tecnici pagati) che garantisce – si legge –. Dopo il tonfo casalingo di giovedì con l’Udinese, il patron rosanero ha sottolineato come la squadra sia tatticamente sbilanciata: in effetti 19 reti al passivo sono troppe. Poi però ha rimpianto le assenze di Rajkovic e Gonzalez, ‘i nostri Bonucci e Chiellini’: colpa del tecnico o della sorte, allora? Prima di affidarsi a De Zerbi a inizio settembre (via Ballardini, di nuovo…), Zamparini si era chiesto se la consistenza della rosa allestita potesse sostenere i rischi connessi alla mentalità offensiva di chi doveva guidarla? E in queste ore di tormenti, starà pensando che se l’anno scorso la roulette degli allenatori (9 compresi i richiami) gli è andata bene, nella stagione 2012-­13 il balletto Sannino-­Gasperini non riuscì ad evitare la retrocessione? Non sta scritto in cielo che il cambio porti vantaggi e quindi, almeno per una volta, Zamparini ci stupisca mantenendosi coerente alla scelta estiva. E rinforzando la squadra sul mercato”.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonello Provenzano - 1 mese fa

    Zamparini non stupisce più: anche quando cambia 9 allenatori in una stagione, figuriamoci se tira fuori 10-15mln per fare la squadra…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nick - 1 mese fa

    si come no già ha incaricato il suo amico slavo di trovargli il nuovo kucka…
    a quello oramai gli interessa solo di giocare a fare plusvalenze a costo di giocarsi la categoria..
    bastava tenersi gilardino e sorrentino..e invece
    ps e mettetevi in testa che di vendere non ne ha nessuna intenzione l’unico che ci ha messo la faccia cascio casualmente non gli dava garanzie mentre si inventa fantomatici mega imprenditori stranieri solo per tenersi la piazza buona

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy