Cuore, sudore e stop alle illusioni. Così il Palermo operaio ha riconquistato i tifosi. Quando per farsi voler bene basta dire la verità, impegnarsi e non promettere la luna

Cuore, sudore e stop alle illusioni. Così il Palermo operaio ha riconquistato i tifosi. Quando per farsi voler bene basta dire la verità, impegnarsi e non promettere la luna

Il Palermo di questa stagione non è la squadra più talentuosa mai vista al Barbera, eppure i tifosi si stanno affezionando sempre di più. Un gruppo che non ha le qualità dei Pastore e degli Ilicic, ma che in campo dà sempre l’anima. E quando la società non promette la luna tutto diventa più semplice.

10 commenti

Un pezzettino alla volta, un passo dopo l’altro. Questo Palermo si accattiva ogni settimana di più le simpatie e l’affetto dei tifosi, anche dei più scettici che per ovvi motivi erano rimasti spiazzati da una campagna acquisti priva di nomi di grido.

E’ una squadra ricca di scommesse, di esordienti nella massima serie, raramente parte favorita, ma in campo dà sempre tutto e il pubblico lo ha capito fin dall’inizio. Per questo pur di fronte a sconfitte anche pesanti (si pensi il 3-0 col Napoli) il Barbera ha sempre applaudito i rosanero. Adesso che De Zerbi sta ottenendo punti e dando un gioco alla squadra anche il web, sicuramente la platea più cinica in assoluto, ha cominciato a coccolare Diamanti e compagni. Un esempio su tutti? Sabato abbiamo pubblicato una dichiarazione in cui Fabio Caressa, direttore di Sky Sport, esprimeva il suo tranciante parere sulle qualità di Nestorovski, definendolo senza giri di parole ‘una pippa’. In altri momenti si sarebbe alzato un coro quasi unanime di consensi, perché Nestorovski è il classico acquisto straniero e sconosciuto che fa infuriare i tifosi, invece i commenti sono stati quasi tutti contro il noto telecronista. Non sarà il Palermo più talentuoso della storia, ma è di sicuro uno dei primi dopo tanto tempo che sia finalmente riuscito a creare una vera sintonia col pubblico.

PARADOSSO – Il Palermo nel corso degli anni ha avuto in organico giocatori del calibro di Cavani, Pastore e Dybala, finiti nei club più importanti del mondo. Il paradosso è che le squadre di quegli anni sono state spesso sonoramente fischiate e lo stesso Cavani un giorno, dopo un gol da cineteca al Palermo con la maglia del Napoli, si stupì degli sportivi applausi che arrivavano dagli spalti e confessò con sincero stupore di essersi preso più fischi da giocatore rosanero che non da avversario. Perché squadre molto più forti di quella di oggi venivano bacchettate senza pietà e questa invece può permettersi di uscire tra gli applausi dopo una sonora sconfitta? Sia chiaro, a volte il Barbera ha riservato commoventi tributi ai suoi beniamini anche dopo alcune batoste storiche, come il famoso 5-1 in casa con l’Udinese, ma ai tempi del Palermo di Guidolin si viveva ancora l’estasi collettiva del ritorno in Serie A. Non ci vollero molti anni per scoprire quanto il pubblico rosanero potesse diventare decisamente meno clemente.

OBIETTIVO CONDIVISO – Per comprendere questa apparente incongruenza dobbiamo analizzare quali sono le aspettative dei tifosi e quali erano negli anni più ruggenti dell’era-Zamparini. Il patron rosanero è sempre stato uno a cui piace alzare l’asticella, così un Palermo da salvezza per lui è da parte sinistra della classifica, un organico da decimo posto lo vede come una squadra che può qualificarsi nelle coppe, una squadra da Europa la considera da Champions. Quello di questa stagione è forse il primo Palermo il cui obiettivo stagionale è pienamente condiviso e accettato da tutto l’ambiente. E’ chiaro a tutti come l’unico risultato da raggiungere sia la salvezza, nessuno si aspetta di più, anzi, secondo alcuni dei tifosi più attivi sui social network l’organico messo in piedi da Faggiano e Zamparini non sarebbe nemmeno in grado di competere dignitosamente in questa categoria. Per la prima volta nella gestione Zamparini tutti, presidente compreso, condividono lo stesso obiettivo di classifica e questo aiuta certamente a non creare illusioni e ad apprezzare meglio quanto di buono la squadra mette in campo ogni settimana.

Va anche sottolineato come quella costruita in questa stagione non sia di sicuro la squadra più talentuosa del campionato, ma possa contare su tanti giocatori che in campo danno tutto, senza risparmiarsi mai. Alla centesima sgroppata di Aleesami e Rispoli, all’ennesimo recupero di Gazzi, alla prestazione tutto cuore di un attaccante che suda la maglia come Nestorovski il pubblico non può che applaudire, anche se poi il risultato finale è una sconfitta. Il Palermo di questa stagione piace per questo: senza illudere nessuno lotta su ogni pallone, fino alla fine. E’ il bello dello sport.

Mariano Calò

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Crazyhorse - 2 mesi fa

    In realtà dobbiamo vedere come ci comporteremo e quanti punti riusciremo a fare in casa quando dovremo fare noi la partita. Nestorosky non basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nuc - 2 mesi fa

    Infatti molte critiche rivolte al Presidente sono state conseguenza di un non saper parlare ai tifosi con onestà e verità. Non si dichiara una squadra incompleta come la più forte di tutti i tempi, non si dice che la squadra va bene così e non necessita di innesti per rinforzarla quando i punti deboli li vedono tutti!
    Noi tifosi conosciamo i limiti di quest’ultima squadra ma cominciamo ad amarla perché come detto nell’articolo: lotta, corre e mette dentro sempre il cuore in tutte le partite. Chi onora i nostri colori si ama incondizionatamente…e non si fischia mai!
    Forza Ragazzi e forza De Zerbi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. kmx - 2 mesi fa

    Non mi pare qualcuno abbia fischiato Dybala per non parlare di Miccoli, Amauri, Toni, Zauli… Pastore forse fu accompagnato da qualche fischio in una delle prime apparizioni al momento di una delle sostituzioni a cui lo costringeva Zenga. Appena iniziò a giocare con continuità mai fu fischiato per un errore o un dribbling di troppo. Cavani fu fischiato da alcune parti del Barbera quando ciabattava 7 volte su 10 la conclusione solo davanti al portiere, ma ricordo che fu sonoramente fischiato al S. Paolo al secondo controllo sbagliato a centrocampo nella stagione in cui portò il Napoli in Champions. Insomma alla Favorita abbiamo fischiato chi ci veniva spacciato per campione del futuro ma era palesemente inadeguato alla categoria, mentre abbiamo sempre applaudito chi si impegnava al limite delle capacità raffinate o rozze che fossero. La storia che fatto il palato fine non ci accorgevamo del talento dei giocatori scovati dal presidente o dal ds di turno è falsa anche perché la squadra è stata applaudita molte volte oltre al caso delle partite contro l’Udinese anche quando non si lottava per il mitologico quarto posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Davide Leto - 2 mesi fa

    Nn guardate classifika l anno skorso eravamo terzi alla terza giornata e poi ci fu il buio dopo natale cmq piano piano e si va lontano tanto in molti ci danno gia in b ma siamo ancora al 4 ottobre ricordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Io non guardo la classifica alla settima giornata… dico solo che per come De Zerbi fa esprimere la squadra…. ci salveremo tranquillamente… in casa abbiamo giocato solo con le big… arriveranno le partite da i tre punti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Luca Cusimano - 2 mesi fa

    Questo Palermo fa quello che può e quando vuole anche di più (vedi la partita Inter e Juve). A me piace questa squadra “operaia” ma che ha anche una buona tecnica grazie al mister. Quindi se a qualcuno non basta e vuole vincere facile ogni domenica non è il Palermo che deve tifare. Forza Palermo sempre e comunque!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filippo Anello - 2 mesi fa

      vincere facile? ma se manco in porta triamo, come vuoi vincere’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Filippo Anello - 2 mesi fa

    ha riconquistato i tifosi? ma che dite, siamo in piena zona retrocessione e con un gioco che non tiriamo mai in porta e dovremmo essere contenti per cosa, perchè si impegnano? ma quello è il minimo che possano fare, sono pagati per correre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nuc - 2 mesi fa

      certo, avranno i loro limiti e questo tutti lo sappiamo, ma se non aiutiamo questi ragazzi (che onestamente si impegnano) con il nostro appoggio, allora avviciniamo di più la possibilità di retrocessione in B. Certo se la società rinforzasse la squadra, specialmente in attacco e a centrocampo, allora tutto diventerebbe più facile! Ma questo non dipende dai giocatori che vanno rispettati e incitati anche solo per l’impegno e la professionalità che ci mettono!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Giorgio Gullà - 2 mesi fa

    sosteniamoli, non hanno colpe e ce la mettono tutta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy