CorSport: “Hernandez vera forza del Palermo”

CorSport: “Hernandez vera forza del Palermo”

Mediagol.it vi propone larticolo pubblicato nelledizione odierna del Corriere dello Sport, del giornalista Tullio Calzone e intento a sottolineare lincisività di Abel Hernandez. “Infallibile.

Commenta per primo!

Mediagol.it vi propone larticolo pubblicato nelledizione odierna del Corriere dello Sport, del giornalista Tullio Calzone e intento a sottolineare lincisività di Abel Hernandez. “Infallibile Hernandez. C’è voluta la quinta magia dal dischetto del formidabile Abel per trascinare il Palermo in fuga verso la A. Complice la frenata dell’Empoli a Trapani e di quasi tutte le inseguitrici per i play off alle spalle dei siciliani (eccetto il Crotone), dove il cammino continua a rimanere equilibrato e incerto e il ritmo lento. Anzi lentissimo. Se Iachini non avesse piegato il Padova del debuttante Serena in panchina, infatti, la media punti promozione sarebbe diventata da record negativo assoluto nei campionati a 22 squadre. Per fortuna, dunque che c’è Hernandez, è lui l’uomo dei sogni palermitani che si allungano sino al mondiale in Brasile dove il cecchino di Pando spera di ritagliarsi un ruolo altrettanto importante e decisivo magari come avversario dell’Italia al fianco di Cavani (siamo nello stesso girone D dellUruguay con Inghilterra e Costa Rica). Intanto, non ci fosse lui, sarebbe un altro Palermo. Anche perché, sotto il profilo del gioco, le cose sono decisamente molto da migliorare. E lo stesso Iachini pungola la squadra stringendo i tre punti come fossero oro colato. Preziosi lo sono certamente perché consento alla capolista di allungare sulla 2ª in classifica (l’Empoli) staccandola di 4 punti e di piazzarsi a ben 6 lunghezze dalla terza (l’Avellino che frena Tesser al Liberati in rimonta). Questo è un buon margine se lo si paragona a tutti i precedenti tornei cadetti col format a 22 squadre: dopo 24 giornate soltanto il Genoa-2004/05 aveva un vantaggio superiore: 8 punti sulla seconda. Quel torneo, come si ricorderà, a fine stagione, vide la classifica completamente stravolta dallintervento del Giudice Sportivo. Dunque, viva Abel, che non sbaglia mai dagli undici metri. L’ultima prodezza dagli undici metri, il quinto rigore trasformato, su cinque calciati, permette al cecchino uruguaiano di salire a quota 12 nella classifica cannonieri, regalando al Palermo il tredicesimo successo stagionale e lottavo al Barbera. Se pensiamo che l’Empoli nel nuovo anno è ancora senza vittoria, si capisce bene che il valore aggiunto di questo Palermo sta proprio nella straordinaria concretezza di Hernandez”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy