Corriere di Romagna: Foschi e il doppio ruolo tra Palermo e Cesena. I tifosi hanno un timore

Corriere di Romagna: Foschi e il doppio ruolo tra Palermo e Cesena. I tifosi hanno un timore

Il quotidiano che segue le vicende dei romagnoli: “Ci sono vantaggi e svantaggi di questo doppio ruolo del dirigente 70enne tra i bianconeri e la Sicilia”. E i tifosi del Cesena hanno un timore.

7 commenti

E’ finita la prima settimana con Rino Foschi nel doppio ruolo di Cesena e Palermo.

Nei giorni scorsi è stato suggellato l’accordo tra bianconeri e siciliani: il dirigente 70enne sarà direttore sportivo dei rosa, mentre fungerà da consulente esterno per i romagnoli. A proposito dello sdoppiamento dell’attuale ds del club di viale del Fante, l’edizione odierna del ‘Corriere di Romagna‘ analizza vantaggi e svantaggi, non celando i timori avvertiti soprattutto dalla tifoseria cesenate. “Foschi è il primo a sapere che la scelta del Cesena di andare avanti dividendolo con il Palermo ha lasciato perplessi in molti. E ad essere sinceri, sono perplessità condivisibili. C’è un dubbio – analizza il quotidiano che segue le vicende del Cesena Calcio -: è un impegno sostenibile per Foschi? Sommando Palermo e Cesena, fanno 78 giocatori, con annessi procuratori da gestire. Per non contare che il dirigente romagnolo avrà a che fare con un presidente, Zamparini, che una volta ogni due settimane attaccherà l’allenatore. Se il mercato fosse un mondo perfetto e senza intoppi, Palermo-Cesena sarebbe una sinergia ideale. Ma nelle volate finali? Se all’ultima ora dell’ultimo giorno, al Cesena servisse a tutti i costi una punta e al Palermo a tutti i costi un portiere? Ecco, la frase ‘bisogna vedere cosa fa il Palermo’ resta temuta a queste latitudini ed è altissimo il rischio che alla lunga possa dominare la confusione”. Nell’immediato, però, il Corriere di Romagna individua solo vantaggi per il Cesena. “Il legame con il Palermo, almeno nell’immediato, porterà solo vantaggi e in queste prime settimane il club romagnolo avrà un canale preferenziale per fare plusvalenze”. Plusvalenze che prendono il nome di Francesco Renzetti (esterno classe ’88 che rappresenterà il dopo-Lazaar) e Camillo Ciano (attaccante classe ’90 abituato a giocare da ala offensiva nel 4-3-3 già annunciato da Zamparini e che, storicamente, non appartiene al credo calcistico di Ballardini).

Futuro Palermo: cordata cinese interessata alle quote societarie, le ultime

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Massimiliano Di Cara - 1 anno fa

    Sta pensando più al Cesena che al Palermo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PAwarrior - 1 anno fa

      ovvio fino a giorno 30 ha un contratto da rispettare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Roberto Lo Porto - 1 anno fa

    Al Cesena sta portando manaj manco lo prende nel palermo -.-“

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. spargi49 - 1 anno fa

    anchio ho dei dubbi su questo doppio ruolo di Foschi,ma non per l’eccessivo lavoro da svolgere, ma sul conflitto di interesse che potrebbe sorgere nella scelta di un giocatore da destinare a questa o a quella squadra, nella possibilità di avere sottomano un sicuro talento quale parte del cuore prevarrà quella bianconera o rosanero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Luca Delzio - 1 anno fa

    loro sono gli ultimi a doversi lamentare dato che Foschi è molto legato a quel club e cosa confermata da Lugaresi ha in mente solo il Cesena e lo stiamo vedendo con i nostri occhi chi vuole portare a Palermo e chi a Cesena…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pippo Lo Cascio - 1 anno fa

    Io mi chiedo come si possono programmare dei giocatori non adatti e quindi non graditi all’allenatore ! Stile confusione , cioè ultimo zamparini .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luca Delzio - 1 anno fa

      il loro scopo e fare andare via Ballardini stanno prendendo tutti i non graditi e graditi a Foschi per il guadagno del cesena…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy