Colantuono: “Sarei felice se ad andare in A direttamente fosse il Palermo”

Colantuono: “Sarei felice se ad andare in A direttamente fosse il Palermo”

L’ex tecnico rosanero ha detto la sua sulla corsa alla promozione diretta nella massima serie

Parla Stefano Colantuono.

Dimessosi nel mese di dicembre dalla panchina della Salernitana, l’ex tecnico di Palermo e Udinese sta seguendo con attenzione il campionato di Serie B che vede attualmente il Brescia in vetta alla classifica (60 punti), con il Lecce secondo (57 punti) e il Palermo terzo (56 punti con una partita in meno rispetto ai pugliesi), in una corsa alla promozione diretta che è sempre più avvincente. Intervistato da Tuttomercatoweb, Colantuono ha espresso il suo parere sulle tre squadre attualmente ai vertice del campionato cadetto: “Le prime due posizioni ormai è chiaro che andranno a Brescia, Lecce o Palermo e la lotta è importante. Sarei felice se ad andare in A direttamente fosse il Palermo per la presenza di Rino Foschi e perché sono stato in rosanero. La griglia dei playoff è abbastanza delineata. Mio futuro? Ho visto un po’ di partite… un’occhiata si da sempre a tutto”.

L’allenatore classe 1962 si è poi soffermato sull’eliminazione dalla Champions League della Juventus: “La partita di andata si era incanalata su un binario favorevole, ma il calcio riserva sorprese. La Juve ha giocato un buon primo tempo, nella ripresa la superiorità dell’Ajax è stata notevole. Ma le assenze per i bianconeri hanno pesato, vedi Chiellini e Mandzukic. Cristiano Ronaldo? Non è che comprando un giocatore, seppure importante, sei sicuro di arrivare agli obiettivi. La Juve ha vinto Scudetto e Supercoppa e mi sembra che questi traguardi stiano passando in secondo piano. È andata così… la Juve ha perso una partita importante, ma non me la sento di dire che è stata una debacle”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy