Cattani: “Vi dico come portai Dybala al Palermo, Zamparini subito stregato”

Cattani: “Vi dico come portai Dybala al Palermo, Zamparini subito stregato”

Le parole dell’ex direttore sportivo del Palermo.

Commenta per primo!

Un capolavoro dietro l’altro. Dopo l’ennesima perla stagionale, Paulo Dybala continua ad essere elogiato da gran parte dei media stagionali. L’attaccante di Laguna Larga è il nuovo idolo del popolo juventino. Intervistato da ‘Tuttosport’, l’ex direttore sportivo del Palermo, Luca Cattani, ha raccontato un retroscena di mercato legato al suo arrivo in Sicilia. “Galeotta una cena a Cordoba, nel 2011. Una cena alla quale io e Soriano partecipavamo per parlare di Franco Vazquez con i dirigenti del Belgrano. Tra i commensali, anche il presidente dell’Instituto che a un certo punto, con orgoglio, dice: io in squadra ho un giocatore ancora più bravo di Vazquez. Incuriosito, sono poi andato a vedere Dybala in azione e ne sono rimasto colpito – ha dichiarato Cattani -. Nella prima partita che seguii di persona, Dybala non giocò benissimo, braccato com’era e falciato in continuazione dai difensori avversari. Ma dimostrava ugualmente doti incredibili è personalità enorme. Tanto che decisi di continuare a seguirlo e poi impiegai pochissimo a convincere Zamparini ad investire per il ragazzo. Pensateci: un ragazzo di 16-17 anni, peraltro minuto di corporatura, che prendeva per mano una squadra di serie B facendo più o meno le stesse giocate che gli vediamo fare ora. E badate bene, in Argentina si gioca un calcio ruvido. Non vanno certo per il sottile. Anche questo aspetto, ne sono sicuro, ha aiutato Dybala a diventare il giocatore che è adesso”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy